Moto3: Niccolò Antonelli, debutto poco fortunato in Qatar ma il talento c’è

Problemi tecnici in Qatar per il Campione Italiano 125 GP

Moto3: Niccolò Antonelli, debutto poco fortunato in Qatar ma il talento c’èMoto3: Niccolò Antonelli, debutto poco fortunato in Qatar ma il talento c’è

Un’altra sorpresa nella neonata classe moto3 nella notte di motori del Qatar è l’italiano Niccolò Antonelli. Con una livrea di tutto rispetto, porta i colori del Team Gresini, e un palmarès altrettanto all’altezza della sua posizione, il pilota, di Cattolica, aveva già dimostrato il suo talento durante la pre-stagione, i tempi registrati nei test ufficiali di Jerez parlano chiaro infatti, 6°con un distacco inferiore ad un secondo dal dominatore Vinales, che girava in 1’46.838.

La provenienza è la stessa del rookie Romano Fenati, ha corso il Campionato Italiano di Velocità ed è attuale Campione Italiano per la classe 125 GP. Il Team Gabrielli, supportato dal Team Italia, è quindi riuscito a sfornare una coppia di talenti che hanno saputo dar voce al motociclismo italiano anche nella terra ad oggi per noi più temuta: la Spagna. Antonelli, insieme al compagno Fenati infatti, è riuscito a mettere un sigillo anche in terra iberica. Niccolò, figlio d’arte -il padre è Igor Antonelli volto già noto nei paddock del motociclismo-, era riuscito infatti a vincere l’ultima gara del Campionato Spagnolo di Velocità, a Jerez, (meglio noto come CEV) mettendo le ruote della sua 125 GP siglata Team Italia Gabrielli davanti a nomi importanti della suddetta categoria.

Un progetto che conta quindi quello del Team Italia che per le cilindrate minori, si è affidato al Team Gabrielli ed ha fatto crescere due talenti come il marchigiano Fenati, 2° al debutto in Qatar e il romagnolo Antonelli di Cattolica. Dalla loro prima volta in moto il duo italiano è maturato molto, hanno ricevuto come base dal Team di proveninenza tutte le risorse umane e tecniche di anni di esperienza nell’italiano e mondiale. Una scelta vincente che sta portando a dei considerevoli risultati e sulla quale speriamo di poter contare per il futuro del nostro motociclismo.

Nella prima tappa stagionale del campionato mondiale però, per il pilota di Gresini, non vi è stato un vero e proprio boom, alcuni problemi tecnici lo hanno ridotto a lottare per posizioni inferiori a quanto lui stesso si fosse aspettato. Finita la gara in 17°esima piazza dichiara: “Le aspettative della gara erano diverse, abbiamo avuto problemi elettronici tutto il weekend. Nonostante questo il team ha lavorato tantissimo e bene. Speriamo di avere risolto tutto per Jerez.”

Che le aspettative fossero maggiori è una tesi confermata da chiunque conosca Niccolò Antonelli, il press officer del Team Italia Gabrielli Andrea Zoppini stesso afferma: “Nella gara del mondiale purtroppo non ha potuto dimostarare tutto il suo valore”- Riportando la mente alle stagioni passate insieme aggiunge – “Io mi ricordo bene la prima volta che salì sulla 125 GP a Monza nei test pre campionato del 2010. Dopo pochi giri aveva il tempo dei migliori. Come se su quella moto ci avesse sempre corso.”

Antonelli come Fenati è alla continua ricerca di margini di miglioramento e anche questo spiega Zoppini: “Un’altra caratteristica di Niccolò è che lui vuole sempre vincere, il secondo posto non è un buon risultato. Questo fa capire quanto è determinato”.

Adesso tocca a Jerez, buoni i tempi per lui qui, ottimi ricordi su una pista che già conosce, è tutto da vedere dal campioncino di Cattolica già stimato e ben voluto da tutti del quale sorprende subito la somiglianza a quel grande che non c’è più, Sic.

Leggi altri articoli in Moto3

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati