MotoGP Losail: Qualifiche deludenti per Bautista e Pirro

MotoGP Losail: Qualifiche deludenti per Bautista e PirroMotoGP Losail: Qualifiche deludenti per Bautista e Pirro

Per entrambi i piloti del Team San Carlo Honda Gresini, Alvaro Bautista e Michele Pirro, è stata una giornata alquanto deludente. Il pilota spagnolo ha continuato ad avere problemi con l’anteriore della sua Honda RC213V, non avere confidenza e non riuscire a spingere come avrebbe voluto. Il pilota pugliese ancora una volta è stato tradito dall’elettronica che lo ha costretto per parecchio tempo al box senza riuscire a fare un giro degno di nota. Con il tempo di ieri sarebbe al secondo posto fra le CRT e quindi abbastanza grande è la delusione sua e del Team.

“Non è cambiato niente rispetto ad ieri pur avendo provato a fare delle modifiche continuo ad avere poca fiducia con il davanti della moto – ha detto Alvaro Bautista (11° 1’ 56” 521) – Non siamo riusciti a migliorare il feeling ed alla fine abbiamo fatto una brutta qualifica. Siamo molto indietro sullo schieramento e questo non è bello. Però domani abbiamo ancora il warm up per cercare di trovare qualche soluzione. Speriamo di riuscirci altrimenti saremo costretti a correre sulla difensiva cercando di portare a casa il miglior risultato possibile. E’ un peccato ed anche molto strano perché nel corso dei test invernali eravamo abbastanza sodisfatti ed invece qui mi manca la fiducia. In ogni caso non dobbiamo perderci d’animo continuare a lavorare ed i risultati arriveranno.”

“C’è poco da dire sono entrato con la gomma dura ed ho fatto subito 1’ 59” poi sono rientrato ai box ed ho chiesto un intervento sull’elettronica e sono incominciati i problemi – ha sincerato Michele Pirro (17° 1’ 59” 085) – Purtroppo abbiamo ancora molta strada da fare e al momento la cosa che ci fa maggiormente disperare è proprio l’elettronica. Domani nel warm up tenteremo di capire cosa ci rallenta e se troveremo la soluzione sono convinto che potremo fare una bella gara.”

Leggi altri articoli in MotoGP

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati