Superbike: Il calvario di John Hopkins si chiude con l’amputazione del dito

Superbike: Il calvario di John Hopkins si chiude con l’amputazione del ditoSuperbike: Il calvario di John Hopkins si chiude con l’amputazione del dito

La caduta nelle prove libere della MotoGP a Brno (dove correva come wild card per la Suzuki) non è costata solo il titolo BSB a John Hopkins, ma anche la parziale amputazione dell’anulare destro. Alla fine infatti insieme ai medici ha optato per questa opzione visto che tutti i precedenti tentativi erano andati a vuoto.

Il pilota statunitense che disputerà il mondiale Superbike in sella alla Suzuki del Team Crescent al fianco di Leon Camier ha così commentato sul suo account Twitter:

“Beh dopo 6 interventi chirurgici e migliaia di $ spesi è un peccato dover arrivare a questo. La buona notizia è che mi sento già meglio di quanto non sia stato per mesi e sarò pronto a correre a Phillip Island! Non ho perso nessuna motivazione!”

Hopkins non è il primo pilota a cui viene amputato un dito, era già successo a Barry Sheene, Troy Bayliss e Roger Lee Hayden.

Vota questo articolo
Leggi altri articoli in Superbike

Lascia un commento

2 commenti
  1. Avatar

    Robindoh

    14 gennaio 2012 at 20:33

    bhè lorenzo se lo è amputato da solo e sarà uno dei pretendenti al titolo l’anno prossimo, facevano prima ad amputarglielo subito e non a fargli fare 6 mesi di calvario.

  2. Avatar

    Jumpy

    15 gennaio 2012 at 15:51

    spero vivamente x lui che questo non lo condizioni fisicamente/psicologicamente e che possa tornare competitvo!

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati