MotoGP: Yamaha senza sponsor, lascia anche la Petronas

MotoGP: Yamaha senza sponsor, lascia anche la PetronasMotoGP: Yamaha senza sponsor, lascia anche la Petronas

La Yamaha non potrà contare sull’appoggio della Petronas nel prossimo mondiale della classe MotoGP. Il rapporto tra la casa dei Tre Diapason e la compagnia petrolifera malese si è infatti concluso dopo che in tre anni il binomio aveva centrato due titoli mondiali. Lin Jarvis ha così commentato.

“Il rapporto tra Yamaha e Petronas è stato un grande successo, insieme abbiamo avuto risultati importanti nella classe MotoGP. Ora che la partnership ha raggiunto la sua naturale conclusione vorrei ringraziare i nostri amici di Petronas per il loro supporto e auguriamo loro un buon futuro.”

Al di là delle parole di circostanza, ora in Yamaha dovranno mettersi alla ricerca di uno sponsor, meglio ancora un main sponsor. Non sarà facile visto i tempi che corrono, ma la ricerca è già iniziata.

Vota questo articolo
Leggi altri articoli in MotoGP

Lascia un commento

10 commenti
  1. Avatar

    andrea z.

    30 dicembre 2011 at 19:51

    ed ora gli antirossi diranno ke sarà qualche manovra di burgess !!!!!!!! arriveranno le crt aimè tra pochji anni tutti crt ….. e allora mi sa ke è meglio la sbk !!!!!!

  2. Avatar

    MC-Nicky69

    1 gennaio 2012 at 18:03

    Non riesco a capire xkè la Yamaha faccia cosi fatica a trovare dei Main Sponsor, cioè hanno un pilota come Lorenzo che fa molta “pubblicità” hanno vinto il mondiale la passata stagione eppure hanno le carene + spoglie di una 125!
    Sul fatto delle CRT nel mondiale purtroppo si lo penso anche io i grandi costruttori presto lasceranno questo mondo e dovremo assistere a gare con quelle robe schifose molto meglio guardare la superbike!

  3. Avatar

    stefano

    1 gennaio 2012 at 23:34

    forse nessuno ha i soldi…

  4. Avatar

    francesco/748

    3 gennaio 2012 at 00:53

    Io sono sicuro lorenzo non rinnovera’ il contratto con yamaha se continuano cosi purtroppo senza soldi nella seconda parte del mondiale non lottera’ piu’ per la vittoria.

  5. Avatar

    n75

    3 gennaio 2012 at 11:01

    @ francesco:
    non ne sarei così sicuro… alla fine le possibilità sono 3: yamaha,ducati e honda. Ma di certo la priorità di honda è rinnovare con Stoner, il quale pare si trovi un gran bene, quindi avranno Stoner, perciò non penso che strapagheranno Lorenzo per averlo. (Anche perchè ci sarà da vedere come va Bradl e arriverà Marquez). Quindi resterebbe Ducati, che se replica i risultati di quest’anno, di sicuro non è attraente per Lorenzo…

  6. Avatar

    Alfredo

    4 gennaio 2012 at 15:43

    …sponsor trovato…sarà un colosso giapponese petrolifero…

  7. Avatar

    dario

    5 gennaio 2012 at 16:02

    A me Rossi non e’ simpatico ma quando era in Yamaha e’ innegabile che non avevano abbastanza spazio per tutti gli sponsor che che chiedevano di appiccicare un adesivo sulle carene delle Yamaha…Lorenzo purtroppo e’ un’altra cosa e non fa market abbastanza specialmente ora che Stoner non ha rivali.

  8. Avatar

    andrea z.

    8 gennaio 2012 at 01:24

    @FRANCESCO :NON DARE TUTTO X SCONTATO …. TROPPE VOLTE ABBIAMO VISTO BINOMI VINCENTI COME STONNER HONDA PASSARE DALLE STELLE ALLE STALLE IN MENO KE NON SI DICA …. RIPETO A RIBALTARE LE SITUAZIONI CI VUOLE POCO !!!!!!

  9. Avatar

    Ma_anche_no

    9 gennaio 2012 at 19:38

    La prossima stagione sarà esattamente un “copia-incolla” di quella di quest’anno.
    Forse con un Lorenzo un pò più lontano da Stoner e – PURTROPPO – il Sic in meno… :-(

    Dù ball!

  10. Avatar

    andrea z.

    11 gennaio 2012 at 20:52

    x ma anche no : va ke in f1 da 1 anno all’ altro la honda diventata red buul è imbattibile mettendo dietro tutti ….la yamaha con biaggi 1 scatola in carbonio xcosi definita da lui e l’anno dopo vincente dalla prima gara !!!! non date tutto x scontato … chi fa la differenza sono i soldi x sviluppo e pezzi provenienti dagli sponsor e quest’ anno l’unica squadra ad averne da buttar via è LA NOSTRA ROSSA (vale ne ha pure rifiutati )

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati