Superbike: Test Portimao Day 2, Haslam ancora in vetta, brutta caduta per Laverty

Superbike: Test Portimao Day 2, Haslam ancora in vetta, brutta caduta per LavertySuperbike: Test Portimao Day 2, Haslam ancora in vetta, brutta caduta per Laverty

Leon Haslam è stato il più veloce anche nel secondo giorno di test Superbike a Portimao. Il pilota della BMW ha infatti fermato il cronometro sul tempo di 1’43″2, quattro decimi meglio del crono fatto registrare nella prima giornata. Il pilota del Team BMW Motorrad ha continuato a lavorare sul telaio e sull’elettronica della sua S1000RR 2012 spec.

Dietro al britannico troviamo Eugene Laverty, pilota Aprilia. Il nordirlandese ha fermato il crono sul tempo di 1’43″3, ma è anche stato vittima di un brutto High-Side che lo ha scaraventato pesantemente a terra. Inizialmente la sua caduta sembrava essere preoccupante; Laverty è infatti rimasto in ginocchio per molti secondi, per poi rialzarsi e tirare un sospiro di sollievo. Per lui questa è la prima caduta con perdita d’aderenza al posteriore con la moto della casa veneta.

Terzo tempo e ottima prestazione per il nostro Ayrton Badovini. Il pilota del Team BMW Motorrad Italia ha infatti disputato una grande seconda giornata di prove terminando con il miglior crono personale di 1’43″4. Dietro a Badovini si è piazzato Max Biaggi, in sella all’Aprilia RSV4. Il pilota romano ha preceduto il compagno di marca Davies, il ravennate Marco Melandri (in pista con una sola moto visto che la prima era adnata semidistrutta nel day 1 e la Suzuki del Team Crescent di Leon Camier. Il britannico, in ripresa rispetto alla prima giornata ha preceduto il romano della BMW Michel Fabrizio e la Suzuki di Seeley.

I tempi ufficiosi Day 2 Test Portimao Novembre 2011

1. Haslam (BMW) 1’43″2
2. Laverty (Aprilia) 1’43″3
3. Badovini (BMW) 1’43″4
4. Biaggi (Aprilia) 1’43″6
5. Davies (Aprilia) 1’44″2
6. Melandri (BMW) 1’44″3
7. Camier (Suzuki) 1’44″7
8. Fabrizio (BMW) 1’44″9
9. Seeley (Suzuki) 1’46″1.

Leggi altri articoli in Primo Piano

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati