MotoGP Aragon, Prove Libere 2: Comanda Stoner, Rossi nono

MotoGP Aragon, Prove Libere 2: Comanda Stoner, Rossi nonoMotoGP Aragon, Prove Libere 2: Comanda Stoner, Rossi nono

Il secondo turno di prove libere della MotoGP ad Aragon (quattordicesimo appuntamento del motomondiale 2011) è stato “allungato” per poter permettere ai piloti di recuperare in parte il tempo perso ieri a causa del blackout elettrico, blackout che aveva di fatto cancellato le libere del pomeriggio della MotoGP e della Moto2. La sessione è quindi durata 1 ora e 15 minuti e il più veloce in pista è stato Casey Stoner che ha fermato il cronometro sul tempo di 1’49″272, tempo inferiore al record stabilito in gara nel 2010 da Pedrosa e molto vicino al record della pista che gli appartiene (1’48″942).

Il leader del mondiale ha preceduto per soli 62 millesimi il team-mate Dani Pedrosa che ne finale lo ha insidiato seriamente. Terzo a sopresa Randy De Puniet con la Ducati GP11 del Team Pramac. Il francese che ha ottenuto il tempo in scia a Dovizioso è a 731 millesimi da Stoner e precede i nostri Dovizioso e Simoncelli, staccati dalla vetta rispettivamente di 867 e 925 millesimi.

Sesto è Ben Spies con la prima Yamaha. Il texano che è anche caduto alla curva 2 senza conseguenze, ha girato in 1’50″376 mettendosi alle spalle la Suzuki di Alvaro Bautista (a lungo nelle prime posizioni) e uno Jorge Lorenzo in difficoltà. L’iridato 2010 è infatti a oltre un secondo dal tempo fatto realizzare da Casey Stoner, suo avversario nel mondiale e nelle qualifiche dovrà tirare fuori il meglio dalla sua M1 se domani vorrà essere protagonista.

Nono valentino Rossi che con un guizzo nel finale è riuscito a mettersi alle spalle il team-mate Nicky Hayden. il pesarese della Ducati che porta in pista la GP11.2 è a 1″212 da Stoner, ma non troppo lontano dalla terza posizione di De Puniet (che però guida una Ducati standard). Certamente il tempo perso ieri non lo ha aiutato nella messa a punto della nuovo moto, il feeling è però migliore rispetto alla GP11, vedremo cosa riuscirà a fare nelle qualifiche.

Come detto Hayden lo segue (+83 millesimi), il texano precede la Ducati di Hector Barberà, la Yamaha di Cal Crutchlow, la Honda satellite del Team Gresini di Hiroshi Aoyama, la Yamaha del Team Tech3 di Colin Edwards, le Ducati di Karel Abraham e Loris Capirossi e buon ultimo a 2″619 la Honda di Toni Elias. Appuntamento con le qualifiche alle 13.55.

MotoGp Prove Libere 2 Buriram - GP Thailandia - I tempi


Pos Num Pilota Moto Team Tempo Gap
1 20 Fabio Quartararo Yamaha Petronas Yamaha Srt 1:30.404
2 12 Maverick Vinales Yamaha Monster Energy Yamaha Motogp 1:30.597 0.193
3 21 Franco Morbidelli Yamaha Petronas Yamaha Srt 1:30.625 0.221
4 43 Jack Miller Ducati Pramac Racing 1:30.698 0.294
5 46 Valentino Rossi Yamaha Monster Energy Yamaha Motogp 1:30.733 0.329
6 93 Marc Marquez Honda Repsol Honda Team 1:30.891 0.487
7 41 Aleix Espargaro Aprilia Aprilia Racing Team Gresini 1:31.007 0.603
8 4 Andrea Dovizioso Ducati Ducati Team 1:31.027 0.623
9 36 Joan Mir Suzuki Team Suzuki Ecstar 1:31.086 0.682
10 42 Alex Rins Suzuki Team Suzuki Ecstar 1:31.094 0.690
11 9 Danilo Petrucci Ducati Ducati Team 1:31.115 0.711
12 63 Francesco Bagnaia Ducati Pramac Racing 1:31.154 0.750
13 35 Cal Crutchlow Honda Lcr Honda Castrol 1:31.344 0.940
14 30 Takaaki Nakagami Honda Lcr Honda Idemitsu 1:31.424 1.020
15 44 Pol Espargaro Ktm Red Bull Ktm Factory Racing 1:31.499 1.095
16 29 Andrea Iannone Aprilia Aprilia Racing Team Gresini 1:31.512 1.108
17 17 Karel Abraham Ducati Reale Avintia Racing 1:31.588 1.184
18 53 Tito Rabat Ducati Reale Avintia Racing 1:31.932 1.528
19 88 Miguel Oliveira Ktm Red Bull Ktm Tech 3 1:31.936 1.532
20 99 Jorge Lorenzo Honda Repsol Honda Team 1:31.949 1.545
21 82 Mika Kallio Ktm Red Bull Ktm Factory Racing 1:31.991 1.587
22 55 Hafizh Syahrin Ktm Red Bull Ktm Tech 3 1:32.584 2.180

Buriram - GP Thailandia - Risultati Prove Libere 2

Clicca qui per entrare nella sezione Risultati e vedere tutte le statistiche

Vota questo articolo
Leggi altri articoli in MotoGP

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati