125cc Misano, Prove Libere 2: Terol davanti a Faubel

125cc Misano, Prove Libere 2: Terol davanti a Faubel125cc Misano, Prove Libere 2: Terol davanti a Faubel

Il leader del mondiale Nico Terol è stato il più veloce anche nella seconda sessione di prove libere del Gran premio Aperol di San Marino e della Riviera di Rimini. Sul circuito di Misano lo spagnolo ha fermato il cronometro sul tempo di 1:44.139 staccando il suo compagno di squadra Hector Faubel di 194 millesimi. I due piloti del Team Aspar precedono il britannico Danny Kent, in sella all’Aprilia del Team Red Bull Ajo MotorSport.

Quarto tempo per Johann Zarco, pilota del Team Avant-AirAsia-Ajo. Il francese che precede il proprio compagno di squadra Efren Vazquez è anche caduto quando mancavano 4 minuti alla fine delle sessione, fortunatamente senza conseguenze fisiche. Dietro a Vazquez troviamo i connazionali del Team Blusens by Paris Hilton Racing, Sergio Gadea e Maverick Vinales. Chiudono la Top Ten Adrian Martin con la terza moto del Team Bankia Aspar, Sandro Cortese (Intact-Racing Team Germany) e Luis Salom in sella all’Aprilia dell’RW Racing GP.

Primo dei piloti italiani è la wild card Kevin Calia, ottimo 13esimo e a 1″666 dalla vetta. Il pilota del Team MGP Racing è preceduto da Popov e Moncayo, alle sue spalle il tedesco della Mahindra Marcel Schrotter, il portoghese Miguel Oliveira e il britannico Danny Webb.

Luigi Morciano (redarguito in pista da Terol per averlo involontariamente ostacolato) e Simone Grotzkyj Giorgi sono invece in 17esima e 18esima posizione mentre Alessandro Tonucci, Alessandro Giorgi, Massimo Parziani, Manuel Tatasciore e Francesco Mauriello sono rispettivamente in 24esima, 26esima, 29esima, 30esima e 34esima posizione.

125cc Prove Libere 2 Aragon - GP Aragon - I tempi


Pos Num Pilota Moto Team Tempo Gap

Risultati non ancora disponibili.


Aragon - GP Aragon - Risultati Prove Libere 2

Clicca qui per entrare nella sezione Risultati e vedere tutte le statistiche

Vota questo articolo
Leggi altri articoli in 125cc

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati