Superbike: Si torna in pista al Nurburgring per la volata finale

Superbike: Si torna in pista al Nurburgring per la volata finaleSuperbike: Si torna in pista al Nurburgring per la volata finale

A circa un mese dall’ultima gara, disputata a Silverstone, riprende il Campionato Mondiale Superbike 2011, che si avvia alla conclusione in un serratissimo finale, con ben quattro gare in poco più di quaranta giorni. La prima di queste si disputerà domenica prossima sui 5.137 metri del circuito tedesco del Nurburgring, rinomato per gli appassionati degli sport motoristici, erede della tradizione rappresentata dal tracciato storico del Nordschleife.

Nelle ultime tre edizioni del round tedesco Carlos Checa (Althea Racing Ducati) non è ancora riuscito a vincere, anche se lo scorso anno finì secondo in gara 1 alle spalle di Rea. Nemmeno Max Biaggi (Aprilia Alitalia Racing Team), è riuscito a vincere in Germania: nella sua stagione iridata 2010, partendo dalla pole, finì al quarto e quinto posto. I due sono i principali competitor al titolo mondiale Superbike 2011 che li vede in classifica divisi da 62 punti a favore dello spagnolo.

Dalla volata finale non è nemmeno escluso Marco Melandri (Yamaha World Superbike Team) che dovrà, però, superare l’impatto psicologico dell’annuncio della chiusura del Team ufficiale della Casa giapponese.

Sono duecento i punti ancora a disposizione in questo Campionato, ma è evidente che nessuno degli inseguitori può mancare l’appuntamento con il Nurburgring. Se Checa dovesse aumentare il proprio vantaggio in Germania, successivamente sarebbe difficile una rimonta sullo spagnolo. Ad alimentare l’attesa ci sono poi fattori come il rinnovo (o la ricerca) dei contratti per la prossima stagione e la voglia di riscatto da parte di alcuni protagonisti del Campionato.

Tra questi c’è sicuramente Jonathan Rea (Castrol Honda), vincitore di due gare nelle ultime due edizioni della prova tedesca, al suo rientro dopo l’infortunio di Misano e dopo aver testato le proprie condizioni fisiche nei due giorni di recenti prove ad Assen. Al suo fianco, in sostituzione del compagno di squadra Ruben Xaus – ancora convalescente per l’infortunio procuratosi a Brno – correrà l’esperto Makoto Tamada, vecchia conoscenza del Mondiale Superbike.

In Germania vorrà sicuramente far bella figura il Team BMW Motorrad Motorsport, che sinora non ha raccolto forse quello che si aspettava. Leon Haslam e Troy Corser – che vinse gara 2 nel 1999 – proveranno ad invertire il corso attuale delle cose. E per rimanere in casa BMW, questa volta nel Team Motorrad Italia, c’è attesa per le prestazioni di Ayrton Badovini e, soprattutto, di James Toseland, che in Germania festeggerà la sua 200esima gara in Superbike.

Chi potrebbe rappresentare una sorpresa è Noriyuki Haga (PATA Racing Team Aprilia), che ha vinto tre delle sei gare disputate recentemente al Nurburgring e che lo scorso anno fu protagonista di una bellissima gara 2, vinta di forza davanti a Jonathan Rea.

Da seguire anche Eugene Laverty (Yamaha World Superbike Team), vincitore della gara di Supersport nel 2010 e, anche lui, alla ricerca di un team per il prossimo anno. Michel Fabrizio (Team Suzuki Alstare) sarà invece in cerca di riscatto su questo tracciato, dopo i risultati dello scorso anno – negativi in entrambe le gare.

Classifica (dopo 9 di 13 round): 1. Checa 343; 2. Biaggi 281; 3. Melandri 272; 4. Laverty 208; 5. Haslam 158; 6. Camier 146; 7: Fabrizio 141; 8. Badovini 118; etc. Classifica Costruttori: 1. Ducati 355; 2. Yamaha 320; 3. Aprilia 320; 4. BMW 194; 5. Suzuki 158; 6. Kawasaki 137; 7. Honda. 113.

Mondiale Supersport

Dopo la vittoria di Silverstone – la quarta della stagione per lui – Chaz Davies (Yamaha ParkinGO Team) cercherà il quinto centro, dalla posizione attuale di comando della classifica, con 42 punti di vantaggio su David Salom (Kawasaki Motocard.com) e 45 su Fabien Foret (Hannspree Ten Kate Honda).

Non è lontano nemmeno Broc Parkes (Kawasaki Motocard.com), a 51 lunghezze, mentre sembra ormai tagliato fuori dalla corsa al titolo Luca Scassa (Yamaha ParkinGO Team), brillante protagonista delle prime gare.

Anche per questo Campionato sarà determinante la gara tedesca, visto il vantaggio dell’inglese, che potrebbe mettere una pesante ipoteca sul titolo 2011.

Kawasaki e Honda – la prima con Parkes e Salom, la seconda con Foret, Sam Lowes (Parkalgar Honda) e Gino Rea (Step Racing Team) – cercheranno di contrastare la marcia di Davies e l’esito sarà incerto fino al traguardo, come spesso accade nella Supersport.

Per quanto riguarda gli italiani, oltre a Scassa, punteranno al podio – peraltro già sfiorato – anche Roberto Tamburini (Bike Service R.T. Yamaha) e Massimo Roccoli (Lorenzini by Leoni Kawasaki).

Classifica (dopo 8 di 12 round): 1. Davies 146; 2. Salom 104; 3. Foret 101; 4. Parkes 95; 5. Scassa 83; 6. Lowes 73; 7. Rea 62; 8. Harms 59; etc. Classifica Costruttori: 1. Yamaha 176; 2. Honda 149; 3. Kawasaki 134; 4. Triumph 23.

Superstock 1000

Potrebbe essere il 17enne Markus Reiterberger (Garnier Alpha Racing Team) la sorpresa della gara tedesca, a cui si presentano ancora una volta favoriti i piloti italiani che occupano sette delle prime dieci posizioni nella FIM Cup.

Davide Giugliano (Althea Racing Ducati) vorrà certamente riscattarsi dopo il passo falso di Silverstone (caduto), che ha consentito a Lorenzo Zanetti (BMW Motorrad Italia Superstock Team) e Danilo Petrucci (Barni Racing Team Ducati) di avvicinarlo nella classifica di campionato.

Candidati alla vittoria anche Sylvain Barrier (BMW Motorrad Italia Superstock Team) e Niccolò Canepa (Lazio MotorSport Ducati) mentre da seguire sarà anche Andrea Antonelli (Team Lorini Honda), terzo nella gara dello scorso anno.

Classifica (dopo 6 di 10 round): 1. Giugliano 115; 2. Zanetti 104: 3. Petrucci 94; 4. Barrier 65; 5. Canepa 64; 6. Baroni 46; 7. Antonelli 44; 8. Reiterberger 42; etc. Classifica Costruttori: 1. Ducati 140; 2. BMW 122; 3. Kawasaki 58; 4. Honda 52; 5. Yamaha 15.

Superstock 600

La sesta prova del Campionato Europeo STK 600 sembra favorire Romain Lanusse (MRS Yamaha Racing France), uno dei protagonisti di questa categoria, che nel 2010 salì sul terzo gradino del podio. Dietro di lui, sempre nella scorsa stagione, finì Dino Lombardi (Martini Corse Yamaha), alla ricerca della seconda vittoria quest’anno, dopo quella di Brno. Ma in corsa per la vittoria ci saranno sicuramente anche Jed Metcher (MTM-RT Motorsports Team) e Joshua Day (Revolution Racedays Kawasaki).

Punta al podio anche Riccardo Russo (Team Trasimeno Yamaha), dopo la bella prestazione di Silverstone che lo ha visto terzo al termine di una bellissima gara. Attese anche le prove di Francesco Cocco (Martini Corse Yamaha) e Daniele Beretta (Team Trasimeno Yamaha).

Press Office SBK

Leggi altri articoli in Primo Piano

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati