MotoGP regolamenti 2012, Claiming Rule Team

MotoGP regolamenti 2012, Claiming Rule TeamMotoGP regolamenti 2012, Claiming Rule Team

Il regolamento tecnico MotoGP che verrà introdotto dalla prossima stagione (si tornerà alle 1000cc) ha come novità quella del “Claiming Rule Team”. Questo particolare status verrà assegnato ad alcuni Team (che non potranno far parte della MSMA) che dovranno essere approvati dalla Grand Prix Commission e che dovranno richiedere questo status entro il 31 dicembre precedente la stagione. Queste squadre potranno beneficiare di alcuni aspetti che riguarderanno la durata del motore e la capacità del serbatoio. Ogni CRT avrà infatti a disposizione 12 motori (contro i 6 delle casa aderenti alla MSMA) e la capacità del serbatoio sarà di 24 litri (contro i 21 dei team ufficiali). Ecco a tal proposito le parole di Corrado Cecchinelli, MotoGP Director of Technology.

“Dal 2012 in poi in MotoGP qualsiasi squadra indipendente avrà la possibilità di richiedere lo status CRT – ha dichiarato Cecchinellia MotoGP.com – In questo modo il team, al termine della gara, accetterà di vendere su richiesta uno dei propri motori ad uno dei membri MSMA per 20,000 € con trasmissione o 15,000 € senza. Se accettano queste regole avranno vantaggi tecnici, come per esempio l’aumento di carburante – 24 litri invece di 21 – e più motori per pilota a stagione, da 6 a 12. Queste novità permetteranno al team indipendenti di correre con un budget molto più basso a disposizione. In questo modo dovrebbe esserci più concorrenza e, di conseguenza, più caselle occupate sulla griglia di partenza”.

MotoGP regolamenti 2012, Claiming Rule Team
Vota questo articolo
Leggi altri articoli in MotoGP

Lascia un commento

4 commenti
  1. william

    4 maggio 2011 at 16:14

    Ciao a tutti, ma dico io … questi si sono bevuti il cervello ? 3 litri di carburante in più e il doppio dei motori a disposizione. Agevolare i nuovi arrivati certo si, ma ca..zo, non in questo modo!

  2. Jumpy

    4 maggio 2011 at 20:50

    @ William
    piuttosto che vedere “gare” come quella dell estoril con a fatica 15 moto al traguardo del “campionato mondiale” questo ed altro…

  3. GIGA

    4 maggio 2011 at 21:49

    ho la sensazione – ma nn solo io- che assisteremo a 2 gare in una, ovvero motogp e moto1 nella stessa categoria.

  4. Alessandro

    5 maggio 2011 at 17:50

    si nascondono dietro il fatto dell’abbattimento dei costi ma in realtà a loro interessa solamente “lo spettacolo” che è traducibile con: più moto ci sono meglio è, senza contare che tante moto a basso costo è la stessa cosa di poche ad alto costo… risultato invariato, guadagneranno lo stesso, ci saranno lo stesso sprechi, a questo punto, qual’è il pro?

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati