Moto2 – Toni Elias “vede” il mondiale

Moto2 – Toni Elias “vede” il mondialeMoto2 – Toni Elias “vede” il mondiale

Per Toni Elias si sta realizzando il coronamento di un sogno. Dopo il settimo sigillo di Motegi il titolo iridato è più vicino. Sul circuito giapponese ha dato un´ulteriore dimostrazione di forza. Voleva vincere ed ha vinto, voleva dedicare la vittoria a Tomizawa e ci è riuscito, voleva regalare un successo, sul circuito di casa, a Moriwaki e lo ha fatto. Ha lottato con grande determinazione contro un coriaceo avversario come Simon senza mollare la presa. Sette vittorie, in una stagione, sono una dimostrazione di grande superiorità dimostrando senza ombra di dubbio di essere il più forte. A Motegi ha ascoltato il cuore, malgrado le raccomandazioni del Team nel cercare di stare tranquillo, ed ha collezionato un altro successo. E´ stato semplicemente fantastico e adesso in Malesia sicuramente vorrà replicare e coronare il sogno iridato. Il circuito gli piace e le condizioni meteo sono quelle che lui preferisce. Sicuramente ci stupirà ancora.

Toni Elias “Sono molto contento di aver vinto a Motegi perchè è stato un altro piccolo ma importante passo per avvicinarci al titolo perchè fino a quando non riesci a conquistarlo ti manca sempre la certezza. Adesso chiaramente sono più tranquillo e vado a Sepang, su una pista che mi piace molto, con l´intento di divertirmi cercando di lavorare intensamente fino dalle prime prove con l´obiettivo di lottare per un´altra vittoria. Dobbiamo seguire e stare vicini a Simon per raggiungere matematicamente il successo iridato ma questo non appartiene alla nostra mentalità. A Motegi, dove il rischio di sbagliare era decisamente alto, abbiamo vinto ed allora perchè non continuare su questa strada cercando di vincere anche in Malesia. Speriamo di poter lavorare bene perchè la pista mi piace moltissimo e poter così riuscire a coronare il mio sogno insieme ai ragazzi di tutto il Team.”

Fausto Gresini “Sono felicissimo per il risultato realizzato da Toni in Giappone. E´ stato un Gran Premio non certo facile perchè noi avevamo tutto da perdere e poco da guadagnare ma Toni ci teneva tantissimo a questo appuntamento giapponese perchè voleva dedicare il successo a Tomizawa e perchè Motegi è il circuito di casa di Moriwaki il costruttore della nostro Moto2 e quindi ha cercato in tutti i modi la vittoria. Io e Fabrizio Cecchini dopo le prove abbiamo cercato di fargli capire che non era tanto importante battere il suo diretto avversario che era Simon ma cercare di portare a casa punti importanti per il Campionato ma il suo apparente consenso in gara si è trasformato nella grande voglia di vincere. E´ stato un grande perchè in ogni caso, per noi vincere il settimo Gran Premio stagionale è stato sicuramente molto importante. E´ sempre bello vincere perchè trasmette forti emozione e in Giappone per noi ha sempre un sapore particolare perchè il nostro costruttore è giapponese, perchè da sempre lavoriamo con la Honda, perchè abbiamo ricordi indelebili di questo paese e di questa gente magnifica. Vincere a Motegi è per il nostro Team decisamente il massimo. Oggi era importante proseguire con maggior certezza verso il titolo ma Toni è andato oltre regalandoci la vittoria ed assumendosi anche il rischio che se avesse sbagliato lo avremmo “simpaticamente” massacrato. Oggi ha dimostrato ampiamente di meritare questo titolo perchè è sicuramente il più forte di questa categoria. Non voglio dirlo ma vincere il campionato in Malesia sarebbe favoloso perchè proprio in Malesia nel 2001 conquistammo il titolo iridato con Daijiro Kato e per me sarebbe decisamente meraviglioso. A Toni la pista di Sepang, per la configurazione del tracciato e le sue alte temperature, piace tantissimo e quindi speriamo di riuscirci. Una bella bevuta in Malesia con il caldo che fà sarebbe perfetto!”

Gresini Racing

Vota questo articolo
Leggi altri articoli in Moto2

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati