MotoGP – Preview Barcellona – Anteprima Bridgestone

MotoGP – Preview Barcellona – Anteprima BridgestoneMotoGP – Preview Barcellona – Anteprima Bridgestone

Il Circuito di Catalunya, che domenica 4 luglio ospiterà il settimo appuntamento del Campionato del Mondo di MotoGP, presenta caratteristiche tecniche particolari ed è considerato da Bridgestone uno dei più impegnativi della stagione per i pneumatici. Con otto curve a destra, la maggior parte delle quali lunghe e veloci, e solo cinque curve a sinistra da percorrere a velocità ridotta, il tracciato provoca un’elevata sollecitazione da parte della spalla destra del pneumatico posteriore. La spalla destra, infatti, è sottoposta a pesanti carichi in piega che innalzano la temperatura di utilizzo.

Al contrario, la spalla sinistra è meno sollecitata ma deve avere lo stesso un rendimento ottimale con un range di temperature inferiori. Considerando la configurazione del tracciato e le alte temperature previste nel weekend, Bridgestone porterà nuovamente un pneumatico posteriore asimmetrico, utilizzato già quattro volte in questa stagione. Lo scorso anno per la prima volta la Casa giapponese aveva messo a disposizione dei team il pneumatico asimmetrico al posteriore. Combinando la spalla destra del pneumatico posteriore con mescola dura o extra dura, per una maggiore resistenza alle temperature più elevate, con la spalla sinistra con mescola morbida da utilizzare nelle curve a sinistra più lente, il pneumatico asimmetrico è in grado di garantire un elevato livello di aderenza e feeling di guida nell’intero giro. Nella scorsa edizione la temperatura della pista aveva raggiunto i 52°C e tutti i piloti avevano optato per l’utilizzo della mescola dura per l’anteriore e per la mescola extra dura per il posteriore. Il gran premio era stato caratterizzato da un’entusiasmante lotta decisa all’ultima curva tra i due piloti del team Fiat Yamaha, Valentino Rossi e Jorge Lorenzo. I due compagni di squadra tagliarono il traguardo con un distacco inferiore a un decimo, seguiti da Casey Stoner (Ducati Marlboro), che precedette Andrea Dovizioso (Honda Repsol).

Hiroshi Yamada – Responsabile Bridgestone Motorsport: “Lo scorso anno abbiamo assistito ad una gara fantastica sul tracciato di Catalunya e credo che tutti ricordino l’emozionante duello tra Valentino e Jorge. Il gran premio richiama sempre numerosi appassionati sulle tribune con cinque piloti spagnoli presenti. La Spagna rappresenta per noi un importante mercato strategico e la popolarità del gran premio contribuisce ad accrescere la consapevolezza del nostro marchio. Il Gran Premio di Catalunya è l’ultimo di tre gare consecutive disputate nelle ultime settimane, a cui seguirà una meritata sosta di una settimana prima del Gran Premio di Germania.”

Tohru Ubukata – Responsabile Sviluppo Bridgestone Motorsport: “Il tracciato di Catalunya è particolarmente tecnico con un’ampia tipologia di curve. In particolare presenta lunghe curve a destra che aumentano la temperatura operativa sulla spalla destra del pneumatico. La superficie è lineare e la sollecitazione dell’area esterna del pneumatico richiede l’utilizzo della mescola dura, specialmente per il posteriore. Porteremo nuovamente il pneumatico posteriore asimmetrico, perché avere una doppia mescola da utilizzare nelle curve a destra e a sinistra è fondamentale per raggiungere un buon feeling di guida e un rendimento ottimale su questo tracciato. Considerando che la spalla sinistra non è sottoposta ad elevata sollecitazione, la temperatura di utilizzo è inferiore rispetto a quella della spalla destra, mentre la mescola morbida sul lato sinistro permette al pneumatico di garantire grip e feeling di guida ottimali. Il circuito di Catalunya è uno dei più impegnativi della stagione per il pneumatico posteriore, ma abbiamo visto in passato che il nostro ritmo e la performance del pneumatico sono state buone, quindi sono fiducioso per questa gara.”

Mescole di pneumatici disponibili:
Anteriore: media, dura
Posteriore asimmetrica: dura (lato sinistro), extra dura (lato destro)

Bridgestone MotorSport

Vota questo articolo
Leggi altri articoli in MotoGP

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati