MotoGP – Jerry Burgess si augura che Valentino Rossi rimanga in Yamaha

MotoGP – Jerry Burgess si augura che Valentino Rossi rimanga in YamahaMotoGP – Jerry Burgess si augura che Valentino Rossi rimanga in Yamaha

Ieri è di fatto iniziato ufficialmente il motomercato 2011. La notizia della possibile firma di un pre-contratto di Casey Stoner con la Honda ha innescato una serie di speculazioni, tra cui quella che vede la Ducati offrire una moto a Valentino Rossi. Ricordiamo che alla fine di questa stagione scadranno i contratti dei “fantastici 4”, vale a dire Valentino Rossi, Jorge Lorenzo, Dani Pedrosa e appunto Casey Stoner. Il passagio di Stoner alla Honda (che poi sarebbe un ritorno visto che ci ha già corso nel 2006, anche se con la struttura clienti di Lucio Cecchinello) aprirebbe di fatto un valzer che porterebbe nuova linfa al motomondiale. Rossi in Ducati, Pedrosa in Yamaha e via dicendo.

Jerry Burgess, capotecnico e guru australiano che segue Rossi dal suo passaggio alla classe regina nonchè campione del mondo con Wayne Gardner e Mick Doohan, capotecnico di Freddie Spencer e meccanico di Randy Mamola, si augura che Rossi rimanga in Yamaha, ecco le sue parole.

“Sarei molto più “comodo” con lui in Yamaha che altrove se posso essere egoista. Ci sono un sacco di persone che vorrebbero vederlo finire la carriera in Yamaha. Masao Furusawa l’ha detto molte volte. Da un punto di vista del marketing sarebbe ricordato come un pilota Yamaha. Se invece cambiasse moto sarebbe solamente una parte molto breve della sua carriera e non può avere successo. La perdita per la Yamaha sarebbe grande, ma per equilibrio di una parte della squadra si potrebbe puntare su un pilota giovane. In un rapporto normale il giovane dovrebbe essere preso in consegna da chi ha più esperienza, ma non è il caso di Jorge (Lorenzo). Nel 2011 vedrei bene Valentino (Rossi) e Spies, ma andrebbe bene anche essere una coppia formata da Rossi e Lorenzo oppure Spies e Lorenzo.”

Vota questo articolo
Leggi altri articoli in MotoGP

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati