Superbike – Monza Day 1 – Le dichiarazioni dei protagonisti

Superbike – Monza Day 1 – Le dichiarazioni dei protagonistiSuperbike – Monza Day 1 – Le dichiarazioni dei protagonisti

Cal Crutchlow, Yamaha Sterilgarda World Superbike Team (1st, 1’43.758)
“Sono contento di essere il più veloce in entrambe le sessioni e questo assume un significato particolare a Monza, perché è la gara di casa del team. Oggi abbiamo provato alcune cose che hanno dato esito positivo, ma siamo ancora alla ricerca del miglior set up per migliorare il grip in alcune curve.”

Jonathan Rea, HANNspree Ten Kate Honda (2st, 1′44.789)
“Mi sto divertimento un sacco in realtà! La moto è veramente buona e questo mi permette di godere del circuito. Sono particolarmente soddisfatto del long-run fatto nelle prove libere di questa mattina. Questo pomeriggio le condizioni erano miste e abbiamo ancora del lavoro da fare per ottenere il meglio nell’ultimo settore. Ma per fortuna il set-up di Assen sta lavorando bene, anche se c’è ancora qualchosa da migliorare. Studieremo i dati più tardi e vedremo cosa possiamo fare per migliorare domani.”

Michel Fabrizio, Ducati Xerox (3th, 1’45.1)
“All’inizio delle qualifiche non volevo prendere troppi rischi perché alcune curve erano molte scivolose quindi ho preferito stare tranquillo e “spingere” quando la pista ha cominciato ad asciugarsi. E’ un peccato che le condizioni meteo siano state così incerte, purché c’erano diverse cose che avremmo voluto provare e in questo modo non abbiamo potuto farlo. In ogni caso è stata una prima giornata positiva. Penso che i test che abbiamo fatto a Misano la scorsa settimana ci abbiano aiutato a riprendere la direzione giusta e mi sento fiducioso.”

Max Biaggi, Aprilia Alitalia (7th, 1’45.5)
“Abbiamo trovato condizioni veramente molto variabili, ci sono ancora molti punti umidi e alcuni nei quali la pista era proprio bagnata. Ma alla fine qualche giro “vero” sono riuscito a farlo, girando spesso da solo, e ne abbiamo ricavato un po’ di indicazioni. Per noi è particolarmente importante riuscire a girare con continuità, non dobbiamo dimenticare che, non avendo mai fatto test qui, siamo solo alla nostra seconda uscita a Monza con la RSV4. Ora vorrei provare a cambiare qualcosa, ma direi che siamo a un 70 o 75% del lavoro, e domani cercheremo di completare il percorso: inizialmente continuerò a provare le due moto per poi scegliere quella sulla quale dovremo concentrarci.”

James Toseland, Yamaha Sterilgarda World Superbike Team (9th, 1’46.019)
“La sessione cronometrata è iniziata con la pista bagnata andando poi ad asciugarsi con il passare del tempo. Purtroppo in alcuni punti il tracciato era umido e questo non ci ha permesso di provare a fondo alcune cose. Nel complesso però non è andata male anche perché questa mattina, con pista asciutta, avevo il quinto tempo. Per domani sono fiducioso di fare un passo avanti con le modifiche che apporteremo alla moto. Incrocio le dite per il meteo.”

Leon Camier, Aprilia Alitalia (12th, 1′46.216)
“Questo pomeriggio non sono riuscito a spingere, le condizioni della pista erano troppo incerte, in compenso sono rimasto molto soddisfatto dalle prove libere di questa mattina, con pista asciutta: non pensavo di poter essere così veloce da subito, in una pista mai vista. Devo dire che dopo la prima giornata di prove Monza mi piace, è una pista veloce, con curve come la parabolica dove ti devi fidare senza vedere l’uscita. Mi sarebbe piaciuto girare un po’ di più con l’asciutto, ma nel complesso mi posso ritenere a buon punto.”

Noriyuki Haga, Ducati Xerox (15th, 1’46.4)
“Anche se i miei tempi non sono grandiosi, mi sento a mio agio con la mia 1198. Perdo tempo nell’ultima parte della pista, dalla curva Ascari alla Parabolica, e domani mi dovrò concentrare su quella sezione. Faremo alcune modifiche per la sessione della mattina e staremo a vedere come andrà. Anche le condizioni meteo potranno fare la differenza.”

Vota questo articolo
Leggi altri articoli in Primo Piano

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati