MotoGP – La gara di Jerez di Pedrosa “rovinata” da un sensore

MotoGP – La gara di Jerez di Pedrosa “rovinata” da un sensoreMotoGP – La gara di Jerez di Pedrosa “rovinata” da un sensore

In molti si sono chiesti il perchè del rallentamento nel finale di Dani Pedrosa nel GP di Spagna. Il pilota della Honda aveva infatti guidato tutta la gara prima di doversi arrendere proprio all’ultimo giro al connazionale Jorge Lorenzo che lo ha rimontato abbastanza facilmente. Dopo un attento esame degli ingegneri della Honda sembra che il rallentamento sia stato dovuto al malfunzionamento del sensore che verifica i consumi. In pratica il sensore che controlla la quantità di benzina presente nel serbatoio ha dato informazioni errate all’ elettronica e di conseguenza la moto ha perso potenza.

Il giro più veloce di Pedrosa è stato di 1’39″731 (era il secondo giro) e durante la gara stava guidando comodamente in 1’40″1 fino al giro 7 e 1’40 “di media fino al 24 ° giro. Da quel giro in poi ha perso 1″116 da Lorenzo. Nel giro successivo Lorenzo gli ha recuperato ancora 3 decimi. Nel penultimo giro mentre lottava con il pilota della Yamaha ha girati in 1’41″748 e nell’ultimo in 1’41” 079. Come riporta “El Mundo Deportivo” la gara di Pedrosa sarebbe potuta finire diversamente.

“Calcolando che ho perso due decimi al giro per 20 giri, la storia del Gran Premio poteva essere diversa” ha detto Dani Pedrosa nei test post gara. La Honda ha riscontrato lo stesso problema anche sulla moto di Marco Melandri.

Vota questo articolo
Leggi altri articoli in MotoGP

Lascia un commento

2 commenti
  1. Marco Paesani

    Marco Paesani

    6 maggio 2010 at 10:54

    Togliete l'elettronicaaaa!!! :)

  2. Avatar

    NoMoreElectronics

    6 maggio 2010 at 16:24

    Butate via l’electronica!!!!!!!

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati

MotoGP

MotoGP | Dani Pedrosa testerà la KTM a giugno

Lo spagnolo è sceso in pista in settimana al Mugello per verificare le condizioni fisiche
Condividi su WhatsApp MotoGP – Dopo l’addio alla classe regina e l’inizio della ‘carriera’ da collaudatore di Dani Pedrosa non