MotoGP – Preview Jerez – La logistica del Team Repsol Honda

MotoGP – Preview Jerez – La logistica del Team Repsol HondaMotoGP – Preview Jerez – La logistica del Team Repsol Honda

Questa settimana, il materiale del Team Repsol Honda arriverà a Siviglia dal Giappone per poter iniziare l’assemblaggio del box e per preparare le moto per il Gran Premio di Spagna. Quando Dani Pedrosa e Andrea Dovizioso scenderanno in pista a Jerez venerdì alle 13:55, la settimana atipica iniziata con il rinvio del Gran Premio del Giappone a causa dell’eruzione del vulcano Eyjafjalla sarà terminata. Sono lontani i tempi in cui i garage erano sporchi di olio e grasso; oggi i box sono vicini alla perfezione e sono curati in ogni minimo particolare. Per questo motivo, il Repsol Honda Team ha un design completamente rinnovato in questa stagione, che integra uno spazio di lavoro per i meccanici, tecnici e piloti in un ambiente misurato al millimetro.

Per fare questo, per la squadra ogni Gran Premio inizia due giorni prima che le moto vanno in pista, il mercoledì, quando il box Repsol Honda Team inizia a prendere forma, a partire dalla moquette e dai pannelli laterali. Dieci persone assemblano pezzo per pezzo, le tabelle, le caselle di strumento, monitor e persino la cabina corsia dei box, dove la squadra segue i piloti in pista per dare loro indicazioni attraverso la tabella di segnalazione.

In totale, ci vogliono oltre 18.000 kg di materiale per vedere Dani Pedrosa e Andrea Dovizioso in pista, materiale che, in questa occasione arriva in Spagna con l’incertezza causata dalle cancellazioni dei voli aerei. Dopo il GP del Qatar, la squadra aveva infatti inviato tutto il materiale in Giappone. Una volta lì, l’eruzione del vulcano islandese e la nube di cenere che ha paralizzato il traffico aereo europeo non solo ha costretto alla cancellazione della gara giapponese, ma ha anche messo a rischio la gara seguente che avrà inizio questo fine settimana sul circuito di Jerez.

Vota questo articolo
Leggi altri articoli in MotoGP

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati