Superbike – Portimao – Le dichiarazioni dei protagonisti

Superbike – Portimao – Le dichiarazioni dei protagonistiSuperbike – Portimao – Le dichiarazioni dei protagonisti

Max Biaggi: “E’ stato fantastico conquistare la mia prima doppietta nel Mondiale Superbike. La sensazione è grande e la prima doppia vittoria quest’anno e quindi mi sento fiducioso e convinto di poter far bene. Ora andiamo a Valencia e non poteva essere meglio per noi. Oggi avevamo una buona velocità di punta, ma si potrebbe uscire dall’ultima curva ancora più velocemente ma non dipende solo dal motore. La nostra moto è veloce, ma anche le altre lo sono.”

Leon Haslam “Se qualcuno mi avesse detto prima dell’inizio della stagione che avrei vinto una gara e preso tre podi nelle prime quattro gare,non gli avrei creduto. E’ una grande sensazione vincere una gara, fare tre podi ed essere in testa al campionato ed il mio obiettivo è quello di mantenere questo ritmo finché posso. Oggi le gare sono state molto dure e mi sono divertito un sacco a lottare con Max. La sua moto era veloce e c’erano un paio di posti dove poteva aprire il gas prima di me, ma la mia moto andava bene in frenata. L’ho passato diverse volte, ma stare davanti è diverso. Il livello di grip è diminuito in gara due, ma è stato lo stesso per tutti, e i tempi sul giro sono stati più bassi di gara uno. La prima volta che sono saltato sulla moto Suzuki Alstare ho pensato che era un buon pacchetto e tutto l’ottimo lavoro che il team ha fatto ha dimostrato quanto lo è. Naturalmente, ci sono sempre alcune cose da poter migliore per andar meglio a Valencia sperando di stare davanti a Max e a tutti gli altri piloti. Ho avuto una vittoria e ora ne voglio ancora!”

Sylvain Guintoli “Per essere onesto, mi sento come se avessi rovinato il week-end. Gara uno è stata un disastro completo, tutto è iniziato quando ho frenato troppo tardi al secondo giro e sono andato dritto. Questo mi è costato un sacco di posizioni e di tempo e mi sono trovato in 22a posizione con moltissimo ritardo da recuperare. Dopo di che, non ho più trovato il mio ritmo, e considerando questo, forse il 13° posto non è poi così male. La seconda gara è stata migliore, ma in questo campionato non puoi permetterti di essere medio. Devi essere in gioco sempre. Non so il perchè, ma ho sentito che non avevo iniziato il week-end nella maniera giusta ed è stato difficile. La moto è veramente buona, quindi sono io che devo migliorare. A Valencia ho intenzione di attaccare fin dall’inizio del weekend e di essere in una buona posizione per la gara!”

Cal Crutchlow “I ragazzi hanno svolto un lavoro fantastico dopo l’Australia e il merito di questo risultato è loro. In gara1 ho commesso un errore banale; ho spinto troppo finendo per scivolare e regalare così il podio a Rea. Non vedo l’ora si corra a Valencia per continuare nel miglior modo la strada intrapresa durante questo fine settimana, per puntare alla vittoria. Oltre alla mia squadra i complimenti vanno a Biaggi e Haslam per le due belle gare disputate.”

James Toseland “Abbiamo fatto un bel passo avanti, ma c’è ancora del lavoro da fare per essere ancora più competitivi. Il terzo e sesto posto ottenuti nella seconda gara sono risultati ampiamente meritati dopo la sfortunata caduta di gara uno di Cal. Rimane il rammarico di essere caduto ieri in Superpole perché avrei potuto ottenere la prima fila e tutto sarebbe stato più facile quest’oggi. Invece mi sono presentato al via con un po’ dolorante non al top della forma. Nonostante tutto ho conquistato due buoni risultati. Siamo partiti con il piede sbagliato, ma ora siamo sulla strada giusta e continueremo a spingere per migliorare.”

Carlos Checa : “Sono soddisfatto per il grande lavoro che abbiamo in questo weekend e per i miei due quarti posti. Certo salire sul podio è una cosa diversa, ma oggi penso che non potevamo proprio fare meglio di quanto abbiamo fatto. Nella prima manche non sono partito bene e non sono riuscito ad agganciarmi al gruppo dei primi. Gara due è andata meglio, anche se la mia partenza non è stata molto buona, ma ho potuto stare più vicino ai piloti più veloci. Purtroppo perdevo sul rettilineo quello che guadagnavo nelle curve e quindi sarebbe stato inutile rischiare. Ora andiamo a Valencia una pista dove abbiamo fatto dei test pochi mesi fa e dove, davanti al mio pubblico voglio fare molto bene.2

Shane Byrne : “In gara uno il setting della mia moto non era completamente a punto ed io non sono riuscito ad esprimermi al massimo, anche perche le mie condizioni fisiche non sono ancora perfette. Prima di gara due i ragazzi del mio team hanno lavorato molto bene sulla mia Ducati ed il set up della mia 1198 è migliorato molto. Sono abbastanza soddisfatto delle mie due gare odierne anche se so che il mio potenziale e quello della mia moto sono molto più elevati e che possiamo puntare alla vittoria. Ora andiamo a Valencia dove abbiamo provato durante l’inverno e dove sono certo che riusciremo a migliorare ancora e a lottare per le posizioni di rilievo.”

Noriyuki Haga “Abbiamo lavorato molto e per tutto il weekend e finalmente oggi il mio feeling con la moto era decisamente migliore, ma era davvero difficile fare dei buoni risultati partendo dalla quinta fila. In gara 1 sono partito molto bene perché sapevo che era indispensabile fare una buona partenza per raccogliere qualche punto. Ho provato a spingere il più possibile ma quando mancavano circa cinque giri al termine la mia gomma posteriore ha iniziato a perdere grip e questo ha influito molto sull’aderenza della mia moto. La seconda manche è stata simile alla prima. Gli pneumatici hanno lavorato meglio, ma ho fatto tanta fatica a superare Guintoli ed ho terminato ancora all’ottavo posto. Mi spiace molto per il mio team, per i miei tifosi e gli sponsor per gli scarsi risultati che ho conseguito, ma tutto considerato ho recuperato molte posizioni ed ho raccolto qualche punto. Da Valencia in avanti voglio lottare per il podio in ogni weekend. Biaggi ed Haslam hanno dimostrato il loro potenziale, sia qui che a Phillip Island, ma noi siamo fiduciosi di poter tornare sul podio già da Valencia.”

Michel Fabrizio “Diciamo che in questo weekend non siamo mai riusciti a mettere a posto la moto come avremmo voluto. Non sono mai riuscito a trovare il giusto feeling ed ho avuto sempre gli stessi problemi in entrambe le gare. Abbiamo lavorato molto durante tutto il fine settimana ed abbiamo apportato molte modifiche, anche se le cose non sono mai cambiate molto. All’inizio di gara 2 sono riuscito a recuperare subito delle posizioni, spingendo veramente forte. Dopo alcuni giri è diventato sempre più difficile inserire in curva la mia 1198 e questo ha causato due uscite di pista nella prima manche ed anche due dritti nella seconda. Voglio chiudere questo capitolo e concentrarmi subito sulle prossime gare dove, sono sicuro, riscatteremo questa prestazione al di sotto delle nostre possibilità.”

Vota questo articolo
Leggi altri articoli in Primo Piano

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati