MotoGP – Vittoriano Guareschi soddisfatto del nuovo motore della Ducati GP10

MotoGP – Vittoriano Guareschi soddisfatto del nuovo motore della Ducati GP10MotoGP – Vittoriano Guareschi soddisfatto del nuovo motore della Ducati GP10

La Ducati ha lavorato molto durante l’inverno per rendere più guidabile la propria Desmosedici GP10. A conferma dell’ottimo lavoro svolto dalla casa di Borgo Panigale ci sono gli ottimi risultati raggiunti non solo da Casey Stoner, pilota che è sempre riuscito a domare i cavalli della “Rossa” a due ruote, ma anche dal compagno di squadra Nicky Hayden. I tecnici della Ducati hanno lavorato sul motore cercando di renderlo meno “scorbutico” e più guidabile adottando la soluzione Big Bang e abbandonando quella Screamer. Ecco a tal proposito le parole di Vittoriano Guareschi, da quest’anno Team Manager della Ducati.

“La grande differenza è che il motore ha una erogazione di potenza molto più morbida ed è molto più sfruttabile rispetto alla vecchia versione Screamer – ha detto Guareschi a MCN – E’ un grande miglioramento per tutti e non solo per Casey (Stoner, ndr) quando si guarda alla classifica. Casey è infatti rimasto nella stessa posizione, ma gli altri piloti sono più vicini alla parte alta della classifica e questo è un passo positivo per l’immagine della Ducati. La caratteristica principale del motore precedente era che sembrava avere il “turbo” e quando la potenza arrivava era difficile scaricarla sulla ruota posteriore. Solo Casey era in grado di farlo e per gli altri era difficile. Con il nuovo motore invece si riesce a scaricare la potenza e a trasferirla alla ruota posteriore, per questo ricorda la GP6. Il collegamento tra l’acceleratore e il pneumatico posteriore è molto meglio e più facile da capire. Ora con il nuovo motore si può usare molto meno l’anti-spin, perché il gas è perfettamente a contatto con il motore e con la ruota posteriore. La GP10 può andare come una 250 dove prima non si poteva. Penso che il motore Big Bang sarà più costante in termini di prestazioni e sarà un vantaggio quando il grip non sarà perfetto e quando le condizioni cambieranno. Sarà un motore più facile da utilizzare per il pilota.”

Leggi altri articoli in MotoGP

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati