Moto2 – Presentato lo Scot Racing Team

Moto2 – Presentato lo Scot Racing TeamMoto2 – Presentato lo Scot Racing Team

Si è svolta oggi la conferenza stampa di presentazione del rinnovato RSM Team Scot di Cirano Mularoni. Due, le splendide moto progettate per l’imminente motomondiale dallo stesso team, con livrea recante lo stemma ufficiale della Repubblica di San Marino. Due i piloti portacolori del Rsm Team Scot per la stagione 2010: il sammarinese Alex de Angelis ed il genovese Niccolò Canepa, giovani ma con una esperienza già importante e pronti più che mai a scendere in pista.
Alex affronterà le gare con una moto2 pensata a 200 metri da casa sua, poco più a monte, dove sta la sede del team. Il tutto a sancire un mix esplosivo, legato da un comun denominatore: l’appartenenza allo stesso territorio e la voglia di giungere nuovamente dalla 600cc alla MotoGp, la classe regina del motomondiale.

SAN MARINO
La Repubblica di San Marino è – assieme alla Provincia di Rimini e a Santa Monica Spa – il promotore del Gran Premio omonimo, alla sua quarta edizione, che si svolge sul Circuito di Misano. L’RSM Team Scot è il Campione del Mondo 2009 della classe di mezzo e Alex de Angelis è uno dei piloti più veloci. Il tutto a rappresentare nel mondo l’immagine vincente, a livello motoristico e sportivo, di San Marino.
Il motomondiale è uno dei pochissimi sport globali. Raggiunge 5,6 miliardi di persone durante tutto l’anno; un bel biglietto da visita per la più antica repubblica del mondo, che grazie a questo promuove ulteriormente la propria immagine a livello internazionale. “Sono molto contento di questo binomio – spiega il Segretario di Stato per il Turismo e lo Sport, Fabio Berardi – Alex merita palcoscenici importanti per ciò che ha fatto fino ad oggi e non nascondo la mia soddisfazione nel vederlo in sella ad una moto “biancazzurra”, realizzata e pensata nel nostro territorio da un sammarinese. Questa combinazione vincente ci valorizza ancor di più e da un senso più completo al nostro Gran Premio. Un in bocca al lupo sincero ad Alex, a Cirano Mularoni e a tutto il Team Scot per questa nuova avventura”.

ALEX DE ANGELIS
Alex De Angelis, sammarinese di origine, nasce a Rimini il 26 Febbraio 1984 in una famiglia dove la passione per i motori e la velocità può essere considerata quasi ereditaria. Il padre Vinicio, infatti, era un preparatore di auto da rally e ha trasmesso la passione ad Alex e al fratello maggiore William. Nel 1997 arrivano le prime soddisfazioni: Alex, allora tredicenne, giunge sesto al Campionato Italiano Minimoto e l’anno successivo partecipa al Trofeo Honda 125 ottenendo, proprio sul circuito di casa a Misano, il primo podio della carriera. Nel 1999 entra a far parte del Team Matteoni e partecipa al Campionato Italiano e al Campionato Europeo 125 G.P. conclusi, rispettivamente, in seconda e settima posizione. In questo anno Alex mette in bacheca anche la prima vittoria nel Campionato Italiano e lo fa a Binetto, dove lui e il fratello William sbaragliano la concorrenza spartendosi i primi due gradini del podio.
I buoni risultati e la determinazione ben presto gli aprono le porte del Campionato Mondiale. Il debutto avviene nel 1999 a Imola dove prende parte, come wild car, all’ultimo Gran Premio ospitato dall’Autrodomo Enzo e Dino Ferrari. Da qui in poi la carriera mondiale di Alex subisce una vera e propria escalation. Nel 2000, sempre con la Honda del Team Matteoni, prende parte all’intero Campionato del Mondo 125 che termina al 18° posto, aggiudicandosi il premio di “Rookie of the Year”, riconoscimento assegnato al miglior debuttante dell’anno.
Il primo podio nel mondiale arriva nel 2002 in Germania ed Alex è in sella ad un’Aprilia gestita dal team di Lucio Cecchinello. Il 2003 è l’anno delle soddisfazioni: il sammarinese si rende uno dei protagonisti assoluti della 125 e termina la sua stagione da vicecampione del mondo. Il secondo posto finale e la continuità nei risultati gli aprono le porte della quarto di litro che affronta in sella all’Aprilia ufficiale, concludendo la stagione in quinta posizione. Nel 2005 corre con i colori di MS Aprilia Italia Corse e chiude la stagione settimo assoluto, con due secondi posti e due terzi posti in attivo. L’anno seguente Alex è pilota ufficiale Aprilia Racing nel Team Aspar e sale sul podio ben 11 volte. A coronare una stagione decisamente convincente, chiusa in terza posizione, arriva anche la prima vittoria mondiale nel Gp di Valencia. Otto sono i podi totalizzati nella stagione seguente che lo portano a conquistare, per il secondo anno consecutivo, la terza piazza finale. Nel 2008 c’è il salto di categoria e l’approdo in MotoGp tra le fila del Team Gresini.
Nel 2009 è ancora con Gresini e arriva il tanto atteso podio nella classe regina. Il 31 agosto, a Indianapolis, la bandiera biancazzurra sventola dal secondo gradino del podio. In sella alla sua Honda si piazza al quarto posto in occasione del Gp d’Australia e d’Inghilterra e al quinto sul tracciato di Assen, concludendo il secondo anno in MotoGp 8° in classifica. Quest’anno Alex ha deciso di mettersi ulteriormente alla prova e affrontare una nuova sfida. Prenderà parte alla neonata classe Moto2 insieme allo Scot Racing Team del connazionale Cirano Mularoni, con l’obiettivo di confermarsi tra i protagonisti assoluti della nuova categoria.

NICCOLO’ CANEPA
Niccolò Canepa nasce a Genova il 14 Maggio del 1988. Eredita la grande passione per le moto dal padre Mauro, che aveva corso con discreti risultati alla guida di moto classiche e d’epoca. All’età di 3 anni Niccolò sale per la prima volta su una minimoto, e a 10 esordisce nel campionato Italiano, con ottimi risultati. Nel 2001 riesce ad ottenere, sempre nel campionato italiano minimoto, il terzo posto assoluto.
Nel 2002, all’età di 13 anni, Niccolò guida per la prima volta una 600, e capisce che la sua strada è quella delle moto di grossa cilindrata; infatti il 17 maggio dello stesso anno, tre giorni dopo aver compiuto 14 anni, diventa il più giovane esordiente al mondo su una moto così potente, ottenendo già nel 2004 la sua prima vittoria nella Coppa Italia a Vallelunga. Dopo due anni di campionati italiani, nel 2005, termina quarto al campionato Europeo Stock 600 e si guadagna così l’ingaggio per il 2006 in Ducati ufficiale. Il 2006 è il primo vero anno di successi per Niccolò, che vince il campionato italiano Supersport under 21, e arriva secondo al campionato europeo Stock 600; inoltre inizia la sua carriera da collaudatore per le moto di serie della Ducati, in particolare la 1098s, con la quale l’anno successivo, il 2007, vince il Campionato del mondo Stock 1000. La Ducati decide così di affidargli i collaudi della sua nuova nata Superbike, e Niccolò inizia a segnare record su record, guadagnandosi il posto da collaudatore della Ducati MotoGP per tutto il 2008. Il pilota genovese ottiene ottimi risultati e fa registrare tempi molto interessanti e quasi sempre migliori di altri piloti ducati in MotoGP; viene così ingaggiato dal team Pramac Racing per la stagione Motogp 2009. Niccolò, a soli 20 anni, è il pilota più giovane della categoria e deve far fronte al fatto che non conosce 6 piste sulle quali correrà. L’anno di esordio infatti non è dei più facili, ma Niccolò riesce a distinguersi nella gara di casa, al Mugello, e a Donington, che sono le piste che conosce meglio. Purtroppo la sua stagione si conclude anticipatamente a causa di un brutto infortunio nel GP d’Australia, per il quale non potrà prendere parte alle ultime tre gare del Campionato del Mondo. Nonostante ciò conclude il campionato al 16esimo posto assoluto.
Quest’anno Niccolò correrà per lo Scot Racing Team, nella neonata categoria Moto2. Queste nuove moto si adattano particolarmente allo stile di guida di Niccolò, inoltre la sua esperienza da collaudatore potrà essere molto utile per realizzare l’obiettivo di terminare la stagione da protagonista.

IL TEAM
Il sammarinese Cirano Mularoni, team manager dell’Rsm Team Scot: “E’ da tempo che pensavamo ad Alex De Angelis come pilota della nostra squadra. Un sogno tutto sammarinese, che avremmo voluto realizzato in MotoGP, ma che prenderà il via dalla nuova classe Moto2: un campionato innovativo che penso si dimostrerà molto interessante dal punto di vista dello spettacolo.
La nostra squadra, con un mondiale in tasca, non poteva che ambire ai piloti più forti disponibili sulla piazza per provare a mantenere il primato, ma partecipare con un mio vicino di casa a questa nuova avventura, rende il tutto carico di molto significato. Accanto ad Alex ci sarà Niccolò Canepa (14/5/88), profondo conoscitore delle 4 tempi; il genovese non sarà soltanto uno dei punti di riferimento del Campionato ma contiamo sulle sue doti di collaudatore, per lo sviluppo del nostro prototipo; siamo consci di aver creato una moto che racchiude tutto il know how generato in anni di competizioni ad alto livello ma non dobbiamo trascurare la delicatissima fase di test postproduzione”.

LA MOTO
La FORCE GP210 “veste” un telaio di nuova concezione in alluminio, completamente regolabile, tanto per quanto riguarda il baricentro che qualsiasi offset. L’obbiettivo degli ingegneri è stato quello di creare un mezzo molto bilanciato, competitivo su tutti i circuiti, piuttosto che una moto performante solo in condizioni ideali di assetto. Il motore 4 cilindri di 600cc , le sospensioni Showa, il gruppo frenante Brembo, i
cerchi Marchesini, lo scarico Arrow e la sella Acerbis. Tutti i componenti sono già stati provati separatamente, ma il prototipo completo scenderà in pista, molto presto, in test di sviluppo segretissimi!

FORCE GP210
Technical specifications
 
Overall length (mm): 2050
Overall width (mm): 645
Overall height (mm): 1125
Wheelbase (mm): 1410
Road clearance (mm): 125
Weight (kg): 137
Engine type: liquid-cooled, 4-stroke, DOHC 4 valves L4 configuration
Displacement (cc): 600
Maximum power (CV): over 130
Chassis: Aluminium
Transmission: Chain 6 gear box
Frame type: twin-tube
Brakes: Brembo 290mm front 218mm rear
Front wheel (in.): MARCHESINI 17 X 3,75
Rear wheel (in.): MARCHESINI 17 X 6.00
Front suspension: SHOWA telescopic fork, upside-down
Rear suspension: SHOWA bottom-link
Fuel tank capacity (lt): 21
Exhaust: ARROW 4/2/1
Clutch: Sutter moto2
Data recording: 2D moto2
Lever and steps: Lightech
Seat: Acerbis
Tyres: Dunlop
Fuel: ENI
Fairing: MOTOART

Vota questo articolo
Leggi altri articoli in Moto2

Lascia un commento

1 commento
  1. Raimondo Floris

    Raimondo Floris

    24 marzo 2010 at 18:32

    Forza Niccolò

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati