Moto2 – Test Jerez Day 2 – Elias è il più veloce

Moto2 – Test Jerez Day 2 – Elias è il più veloceMoto2 – Test Jerez Day 2 – Elias è il più veloce

La seconda giornata dei test della Moto2 a Jerez de la Frontera è stata caratterizzata dall’alternanza del meteo che ha visto alternarsi pioggia e vento. Alla fine il più veloce in pista è stato il pilota di casa Toni Elias. L’alfiere del Team Gresini ha infatti ottenuto come miglior crono il tempo di 1’45″024 mettendosi alle spalle la BQR-M2 del Team Blusens di Yonny Hernandez e Kenny Noyes (per lui miglior crono di 1’45″704). Buona anche la prova di Alex De Angelis che dopo il miglior tempo di ieri con asfalto umido è riuscito ad ottenere il quarto tempo in sella alla Moto2 del Team Scot. Dietro al sammarinese ottima prestazione per i due piloti del Forward Racing; il francese Julez Cluzel ha infatti ottenuto il quinto tempo davanto all’ottimo Claudio Corti. Il vice-campione 2009 della SuperStock 1000 ha preceduto lo svizzero Thomas Luthi e il rientrante Roberto Rolfo. Il pilota del Team ItalTrans STR dopo essersi lussato la spalla nei test di Barcellona è tornato quindi subito tra i protagonisti. Per lui oggi 39 giri e miglior crono di 1:45.965.

Dietro al vice-campione del mondo 2003 si sono piazzati il giapponese Shoya Tomizawa (anche lui con la Suter), l’iridato 2009 della 125cc Julian Simon sull’italiana RSV) e le due Pons Kalex di Sergio Gadea e Axel Pons. Dietro al duo del Pons Racing troviamo la Tech3 di Raffaele De Rosa, Alex Baldolini, il rientrante Alex Debon su FTR e l’ex pilota del Pramac Racing MotoGP Niccolò Canepa. Diciannovesimo e trentatreesimo tempo per i portacolori del Team Jir Mattia Pasini e Simone Corsi.

Nella 125cc invece il pilota più veloce è stato Marc Marquez, l’alfiere della Derbi ha girato in 1’47″473 precedendo i connazionali Pol Espargarò, Efren Vazquez e Nicolas Terol. I test si concluderanno domani e le previsioni meteo sembrano essere favorevoli rispetto a ieri ed oggi.

Vota questo articolo
Leggi altri articoli in Moto2

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati