MotoGP – Valencia Day 1 – Alex De Angelis è sesto e spera rimanere nella classe regina

MotoGP – Valencia Day 1 – Alex De Angelis è sesto e spera rimanere nella classe reginaMotoGP – Valencia Day 1 – Alex De Angelis è sesto e spera rimanere nella classe regina

È con il sesto tempo nelle libere del venerdì che Alex De Angelis ha inaugurato il suo ultimo Gran Premio con i colori del team San Carlo Honda Gresini. Il sammarinese, dopo un inizio sessione poco redditizia, è tornato ai box ed è salito in sella alla seconda moto, settata con i riferimenti delle ultime gare. I miglioramenti non si sono fatti attendere, sia per quanto riguarda i tempi che per il ritmo di gara. Alex ha continuato i suoi progressi finno alle ultime tornate quando ha fatto segnare l’1’34.106 che gli è valso il sesto tempo. Margini di miglioramento ce ne sono ancora quindi i tecnici continueranno a lavorare sulla Honda RC212V del pilota di San Marino, che a Valencia ha intenzione di fare una buona gara visto che qui, nel 2006, ha conquistato la sua prima vittoria mondiale.

“Il turno non è iniziato benissimo, con la prima moto facevo fatica a girare forte mentre quando sono uscito con la seconda che ha praticamente gli assetti usati nelle ultime gare, ho migliorato sia i tempi che il ritmo di gara. Sono contento soprattutto perché non è stata ancora fatta nessuna regolazione, quindi i miei tecnici potranno lavorarci su e sicuramente tirare fuori qualcosa di buono per domani. Quella di Valencia sarà la mia ultima gara con il team Gresini e questo certo, c’è invece ancora molta incertezza sul mio futuro. Non ho infatti ancora deciso nulla, però pare che ci siano buone possibilità per rimanere in MotoGP. Entro domenica prenderò la mia decisione.”

MotoGp Prove Libere 1 Phillip Island - GP Australia - I tempi


Pos Num Pilota Moto Team Tempo Gap

Risultati non ancora disponibili.


Phillip Island - GP Australia - Risultati Prove Libere 1

Clicca qui per entrare nella sezione Risultati e vedere tutte le statistiche

Leggi altri articoli in MotoGP

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati