MotoGP – Nicky Hayden parla dell’arrivo di Ben Spies

MotoGP – Nicky Hayden parla dell’arrivo di Ben SpiesMotoGP – Nicky Hayden parla dell’arrivo di Ben Spies

Nicky Hayden ha parlato dell’arrivo di Ben Spies nel motomondiale classe MotoGP. Il centauro della Ducati ha messo in guardia il suo connazionale; infatti il passaggio dalla Superbike alla MotoGP ha già fatto vittime illustri, non ultimo il britannico James Toseland. Hayden ha comunque detto di essere felice dell’arrivo di Spies, infatti con il suo arrivo sale a tre il numero dei piloti statunitensi, oltre a loro due c’è infatti Colin Edwards. Ricordiamo che quest’anno Spies ha già vinto 13 gare nel WSBK ed è in lizza per il titolo. Ecco le parole di Hayden così come riportate da Autosport.com

“Potrà avere lo stesso impatto che ha avuto nel Campionato Mondiale Superbike? Non credo che possa arrivare e dominare. E’ un livello diverso. Ho un grande rispetto per la Superbike, e ho corso con un sacco di questi piloti, ma c’è una differenza qui. [Neil] Hodgson, [Ruben] Xaus e molti altri ragazzi hanno faticato… credo che sia più facile passare da una Superbike ad una 990cc rispetto alle 800cc. E’ un grande passo. Ho corso nel Campionato Mondiale Superbike come wildcard e mi sentivo abbastanza bene, ed ho potuto notare il livello.

Penso comunque che sia bene che Spies arrivi in MotoGP. La MotoGP mantiene il suo status di classe regina. Ha bisogno di essere qui. Sarà emozionante vedere cosa farà. So che vuole essere un campione del mondo Superbike AMA e World Superbike, così il suo curriculum sarà “cool”, ma se vuole la MotoGP, penso che deve venire adesso.”

Ricordiamo che Spies esordirà già quest’anno con la Yamaha M1 e lo farà come wild card a Valencia.

Vota questo articolo
Leggi altri articoli in MotoGP

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati

Superbike

Superbike: Statistiche post Losail

worldsbk.com da i numeri dell'ultimo round della stagione, che ha deciso il Mondiale.
Condividi su WhatsApp Archiviato anche il 12esimo round del Campionato Mondiale Superbike, e con lui l’intera stagione 2014, è tempo