MotoGP – Estoril QP1 – Alex De Angelis: ”Turno davvero difficile”

MotoGP – Estoril QP1 – Alex De Angelis: ”Turno davvero  difficile”MotoGP – Estoril QP1 – Alex De Angelis: ”Turno davvero  difficile”

È stato un turno di qualifiche piuttosto difficoltoso quello di Alex De Angelis a Estoril. Il pilota del Titano ha faticato per tutta la sessione a trovare il giusto bilanciamento alla sua Honda RC212V e solo sul finire del tempo, insieme ai meccanici del team Gresini, ci è riuscito. Una modifica particolarmente azzardata all’ammortizzatore posteriore effettuata prima dell’ultima uscita, gli ha infatti permesso di migliorare di mezzo secondo il suo tempo rispetto a quello registrato nelle libere della mattinata del Gp del Portogallo.

Alex si è così avvicinato al gruppetto che può aspirare a lottare per la sesta e settima posizione e nel warm up di domani mattina è fiducioso di poter migliorare ulteriormente per rimediare all’undicesima posizione in griglia. Il sammarinese continuerà a lavorare sull’ammortizzatore posteriore e cercherà di trovare fare la giusta scelta dei pneumatici in vista della gara del pomeriggio. Le sue condizioni fisiche sono migliorate rispetto a ieri, ma il raffreddore continua a condizionare le sue prestazioni a causa della ovvia difficoltà nel respirare.

“E’ stato un turno davvero difficile e solo in occasione dell’ultima uscita siamo riusciti ad ottimizzare la situazione facendo una modifica diversa dalle usuali all’ammortizzatore posteriore. Evidentemente l’azzardo ci ha dato ragione perché siamo scesi di mezzo secondo rispetto al tempo del mattino. Abbiamo trovato il sentiero giusto sul quale lavorare, domani continueremo in questa ottica per migliorare ulteriormente grazie anche alla scelta giusta delle gomme da gara. Mi sono avvicinato al gruppetto di metà classifica e spero che le condizioni fisiche migliorino per permettermi di dire la mia nella gara di domani. Oggi sto meglio, ma dopo sette giri la fatica comincia a farsi sentire.”

Vota questo articolo
Leggi altri articoli in MotoGP

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati