MotoGP – Sachsenring QP1 – Randy De Puniet: ”Sono soddisfatto ma non è stato facile”

MotoGP – Sachsenring QP1 – Randy De Puniet: ”Sono soddisfatto ma non è stato facile”MotoGP – Sachsenring QP1 – Randy De Puniet: ”Sono soddisfatto ma non è stato facile”

il pilota del Team LCR Honda MotoGP Randy De Puniet si è dimostrato veloce anche questa volta sul tracciato del Sachsenring ottenendo il sesto tempo nelle qualifiche valide per il GP di domani che partirà alle 14:00 ora locale. Come previsto le condizioni meteo sono peggiorate sulla pista Tedesca e una pioggia torrenziale ha dato il “benvenuto” stamattina ai piloti della classe regina nel secondo giorno di prove che ha visto Randy ottenere il settimo tempo nelle libere. Nessun miglioramento per i 60 minuti di prove ufficiali con una temperatura di soli 14°C ( 16°C sull’asfalto) ma il Francese in sella alla Honda RC212V nr. 14 ha segnato il suo miglior tempo in 1’34.564 (al 12° giro di 25) ottenendo così la seconda fila per i 30 giri in programma domani nonostante due scivolate nel turno. Rossi conquista la pole in 1’32.520 seguito da Lorenzo e Stoner.

“Abbiamo portato a casa un’altra seconda fila e sono soddisfatto ma non è stato facile perché le prove sul bagnato sono sempre una scommessa. Tutti spingono per andare più forte e raggiungere il limite ma, qualche volta, quando il limite lo passi cadi. Io appena uscito ero molto veloce (12 giri) e la moto era quasi perfetta sul bagnato. Dopo però ho dato troppo gas alla curva sette e sono finito nella ghiaia perché l’asfalto era come una pista di pattinaggio sul ghiaccio! A quel punto sono rientrato con la seconda moto ma ci ho messo un po’ a trovare il ritmo giusto. Quando ho iniziato a spingere c’era qualcosa che non andava al freno motore e, a due minuti dalla fine, sono scivolato di nuovo. I ragazzi dovranno lavorare sodo per rimettere a posto le moto per domani ma senza dubbio abbiamo trovato la strada giusta e siamo pronti a fare bene sia sul bagnato sia sull’asciutto.”

LCR

Leggi altri articoli in MotoGP

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati