MotoGP – Motegi – Casey Stoner: ”Non eravamo a posto”

MotoGP – Motegi – Casey Stoner: ”Non eravamo a posto”MotoGP – Motegi – Casey Stoner: ”Non eravamo a posto”

Ci si aspettava Casey Stoner in lizza per la vittoria oggi a Motegi, ma purtroppo l’australiano è stato fermato da una Ducati Desmosedici GP9, a suo dire, non proprio a posto a livello di set-up. In ogni caso il Campione del Mondo 2007 è riuscito a recuperare da una situazione difficile, chiudendo al quarto posto riuscendo proprio nel finale a passare Andrea Dovizioso.

“Oggi non eravamo del tutto a posto con la messa a punto, esattamente, penso, come tutti gli altri, dato che non c’è stato il tempo nel fine settimana per lavorare come si deve sugli assetti”, commenta Casey Stoner. “Di positivo c’è che siamo riusciti a girare sui tempi dei piloti davanti, purtroppo però solo dopo aver perso tanto tempo, troppo, nelle prime fasi della gara. Già nel giro di riscaldamento infatti avevo avvertito una forte vibrazione provenire dal freno posteriore e questo mi ha spinto ad essere molto conservativo nei primi cinque o sei giri. Non sapevo bene cosa fare perché non riuscivo a frenare dove volevo: forse avrei potuto spingere di più ma non credo che avrei potuto farlo in totale sicurezza. In ogni caso ho perso molte posizioni nei primi giri e molto tempo tentando di risalire. Quando mi sono avvicinato ai primi era ormai troppo tardi ed ho potuto solo aumentare un po’ il mio ritmo per raggiungere Dovizioso. Mi ero reso conto che avrei potuto passare Andrea quindi ho cercato di spingere di più. La gara così non è stata tutta persa, non abbiamo lasciato sul terreno troppi punti e in definitiva possiamo considerare questo inizio di stagione nettamente migliore di quello dello scorso anno. Credo che questo possa renderci fiduciosi per le prossime gare”.

Leggi altri articoli in MotoGP

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati