Alex Barros è perseguitato dalla sfortuna….

Alla fine del 2002 gli appassionati e gli spettatori della MotoGP sono rimasti
con alcuni dubbi irrisolti che cominciavano con ´se solo….´.
Infatti Alex Barros, dopo aver ricevuto una Honda RC211V per le ultime quattro
gare, ha collezionato due vittorie e due podi impegnando seriamente Valentino
Rossi che fino ad allora era stato il protagonista assoluto del campionato.

Passato alla Yamaha ufficiale nel 2003, Barros è diventato finalmente
il pilota di una casa e si è apprestato a continuare sull’onda vincente
con cui aveva chiuso la precedente stagione. Tuttavia fin dalla caduta nel warm
up della prima gara a Suzuka, dove si è lesionato i legamenti del ginocchio,
Barros è stato perseguitato dalla malasorte. Tornato subito in sella,
anche se non al top della forma, in Francia, sotto l’acqua, è riuscito
a salire sul podio prima di commettere un errore al Mugello, nella gara successiva,
che si è risolto in un’altra caduta.

La sua personale ´maledizione del warm up´ ha colpito anche a Donington
Park dove è stato abbattuto in uscita dalla pit lane dalla wildcard Kagayama
che gli ha causato la frattura del quinto metacarpo della mano destra e che
lo ha costretto a saltare la gara per la prima volta dal 1992.

Barros si è ritrovato ad affrontare la gara del Sachsenring in una condizione
tutt’altro che desiderabile, come sottolineavano le parole del manager
del team Gauloises Yamaha prima di andare in Germania. ´Alex è
stato operato alla frattura alla mano il martedì successivo la gara di
Donington, in anestesia locale. Gli è stata applicata una placca per
fissare l’osso quindi per quanto riguarda il processo di guarigione non
c’è problema. Il grande punto interrogativo è il livello
di dolore che proverà guidando. Al momento abbiamo pianificato che proverà
a salire in sella venerdì e poi vedremo. ´

Anche se non certo al top della forma e risentendo della fatica particolare
richiesta dalla pista del Sachsenring, il pilota brasiliano è riuscito
a qualificarsi in undicesima posizione, con grande sofferenza ma ben deciso
a raccogliere punti preziosi in gara. Invece tutti i suoi sforzi sono stati
vanificati da un problema alla frizione, che si è riflettuto sul cambio
e che lo ha fatto finire di nuovo in terra, questa volta perlomeno senza gravi
conseguenza fisiche .

´Ho usato la frizione alla fine del rettilineo e non ho avuto risposta:
sono andato dritto e sono caduto. Non mi sono fatto molto male – anche se la
spalla mi fa un po’ più male di prima. Non sappiamo cosa sia andato
storto, la mia squadra sta controllando.

Sono molto deluso, perché in quel momento stavo guadagnando due decimi
al giro sul gruppo che avevo di fronte e avrei potuto provare a finire settimo,
ottavo. E’ stato incredibilmente frustrante dove essere operato e dover
soffrire così tanto per qualificarmi solo per finire di nuovo in terra.
Appena avrò l’occasione andrò a farmi visitare da uno specialista,
farò una tac per vedere chiaramente in che condizioni sono i muscoli
ed i legamenti della spalla.´

La nuova caduta ha significato un altro ´0´ in classifica e la
sua discesa al nono posto, ben 68 punti dal terzo classificato, Max Biaggi.
L’unica piccola, consolazione è che ora avrà tre settimane
di pausa per riprendersi per provare a ripetere l’eclatante fine stagione
del 2002.

Dorna Sports

Alex Barros è perseguitato dalla sfortuna….
Vota questo articolo
Leggi altri articoli in MotoGP

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati