Moto che vince non si cambia…. per la Rc 211 V solo piccoli cambiamenti….

Ecco l’arma letale di Vale Rossi

Nessuna rivoluzione. Alla Honda hanno deciso, e non si può dar loro torto, che
la RC211V, l’arma letale con cui Valentino Rossi ha vinto il primo titolo iridato
nella storia della MotoGP, è ancora il punto di riferimento della classe regina.

Così la versione 2003 della cinque cilindri a quattro tempi che ha riscritto le
regole del Motomondiale non è cambiata se non in alcuni particolari. Nessuna rivoluzione,
dunque, da parte dei tecnici giapponesi, ma le prime foto diffuse della moto ufficiale
che sarà affidata oltre che al pesarese anche al suo nuovo compagno di squadra
nel team Hrc, lo statunitense Nicky Hayden, e ai giapponesi Daijiro Kato e Tohru
Ukawa (Biaggi avrà solo una RC211V privata) mostrano una 4T legata a doppio filo
con quella che l’ha preceduta.

Le uniche modifiche significative visibili ad occhio nudo sono una nuova frizione
(che tanti problemi aveva dato a Rossi da metà stagione in avanti) e alcune modifiche
minime a telaio e forcellone.
Per il resto la carenatura presenta dei lineamenti appena rinnovati sia nella
zona del cupolino, ora più largo nella presa d’aria, e nel codone, dove sono presenti
due ampie feritoie laterali. Nuovo pure l’impianto di scarico (da quest’anno il
limite è salito a 130 decibel e si potrà correre con terminali “aperti”), mentre
non è cambiata la grafica della squadra di punta, quella sponsorizzata Repsol,
che presenta solo una tonalità più intensa di blu.

La versione definitiva della Honda RC211V verrà comunque presentata a Barcellona,
alla vigilia del Mondiale che scatterà il 6 aprile a Suzuka con il Gran Premio
del Giappone. Solo allora sapremo se la moto dei sogni di Rossi (ma adesso anche
di Biaggi), sarà ancora l’incubo degli avversari.

Fonte:Motomondiale.tv

Vota questo articolo
Leggi altri articoli in MotoGP

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati