MotoGP | Gp Mugello: Michele Pirro, “Vorrei correre, ma non me lo permettono”

Il pilota pugliese ha tranquillizzato i fan dopo il terribile incidente di ieri

MotoGP | Gp Mugello: Michele Pirro, “Vorrei correre, ma non me lo permettono”MotoGP | Gp Mugello: Michele Pirro, “Vorrei correre, ma non me lo permettono”

MotoGP Gp d’Italia – Nel corso della seconda sessione di libere del Gran Premio del Mugello, Michele Pirro, wild card Ducati, è stato vittima di un terribile incidente.

Il pilota pugliese è arrivato alla staccata della San Donato, la prima curva del circuito, senza freni. Probabilmente la causa è stata lo ‘sbacchettamento’ in cima allo scollino che ha causato l’allontanamento delle pastiglie del freno anteriore. Pirro ha cercato di frenare in ogni modo, ma improvvisamente il circuito del freno ha ripreso pressione bloccando la ruota anteriore e provocando il ribaltamento della moto.

Tanto spavento per Pirro, ricordiamo che in quel tratto le moto superano di molto i 300 km/h. Fortunatamente il #51 sta bene e dopo aver trascorso la notte all’ospedale di Firenze, per ulteriori accertamenti, è intervenuto telefonicamente su Sky Sport durante le qualifiche della MotoGP, tranquillizzando i tifosi: “Sono cose che capitano, rimanere senza freni alla San Donato non è una cosa bella, sono fortunato a non essermi fatto nulla di grave, sono in ospedale sotto osservazione, domani dovrei essere di nuovo al circuito. Mi sono giocato un jolly raro, mi sono attaccato a tutto quello che avevo quando mi sono accorto che ero senza freni, avevo paura di arrivare nella ghiaia a quella velocità, si è bloccata la ruota e la moto mi ha fatto volare. Ricordo il momento del volo, poi non ricordo più nulla”.

Pirro poco prima dell’incidente aveva già avuto problemi con i freni: “Il primo giro che ho fatto nelle FP2 mi sono dovuto fermare perché la moto non frenava, quando sono ripartito pensavo andasse meglio, ma alla prima curva ho sentito che non avevo i freni”.

Al termine della prima giornata, diversi piloti hanno chiesto di intervenire per modificare la pista nel tratto dello scollino, questo il pensiero del pilota Ducati: “Non so come mai quest’anno il problema dello scollinamento si è amplificato tanto. Dovizioso lì ha rotto il motore, secondo me in questo momento, arrivando a quelle velocità, è diventato pericoloso. Con le ali vai più piano e la senti meno, ma senza ali senti tanto la velocità in quel punto.”

Nonostante la paura, subito dopo la caduta Pirro ha chiesto di scendere in pista: “Non mi spiegavo perché non potevo correre già oggi, ma poi mi sono accorto di avere un occhio come una melanzana. Mi piacerebbe davvero prende parte alla gara, ma non mi faranno correre”.

MotoGP | Gp Mugello: Michele Pirro, “Vorrei correre, ma non me lo permettono”
Vota questo articolo
Leggi altri articoli in MotoGP

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati