SBK | Motul Dutch Round, Gara2: domenica da dimenticare per Ducati

Per la prima volta in 20 gare non c'è un pilota Ducati sul podio

SBK | Motul Dutch Round, Gara2: domenica da dimenticare per DucatiSBK | Motul Dutch Round, Gara2: domenica da dimenticare per Ducati

Non è stata un weekend facile in generale per il team Aruba.it Racing e per le moto Ducati al TT Circuit di Assen: nessuno dei piloti è salito sul podio in Gara 2, mentre nella prima manche Davies ha colto il terzo posto, e non accadeva da Gara 1 a Misano lo scorso anno.

Al di là del risultato in sè, la Panigale non è stata competitiva come nelle precedenti uscite della stagione, soffrendo il confronto con Kawasaki e Yamaha: Davies e Melandri hanno accusato problemi praticamente in ogni uscita, con il ravennate che in gara a sofferto molto per mancanza di bilanciamento e di un set up adatto al tracciato olandese.

A questo si è aggiunta anche un buona dose di sfortuna, con Chaz Davies che si è trovato nel posto e nel momento sbagliato in Gara 2: “Mi sono trovato nel posto sbagliato in Curva 1. Ero stato trascinato un po’ fuori, quindi ho scelto l’opzione più sicura di andare largo e rientrare, perché si era creata una strettoia”, spiega. Ma i problemi nn sono finiti lì: “Ho iniziato a trovare il ritmo, progredivo, ma ho avuto dei problemi al posteriore per tutta la gara. Non avevo tanto grip, non riuscivo ad andare come volevo e poi, da metà gara in poi, ho avuto delle vibrazioni importanti, non sapevo se avessi danneggiato la gomma.”

Nonostante ciò, Davies non è stato completamente dispiaciuto dei risultati del weekend. “Abbiamo perso terreno in classifica questo weekend, ma ce lo aspettavamo un po’. Comunque penso che abbiamo fatto un buon lavoro sabato, ho avuto difficoltà domenica, ma nel complesso sono abbastanza felice del lavoro del weekend. Penso che possiamo ripartire da qui e so che possiamo imparare dagli errori che abbiamo commesso questo fine settimana.”

Marco Melandri invece, non ha mai avuto il passo per tutto il weekend: dopo una difficile prima manche, anche in Gara 2 non ha colto i miglioramenti sperati, riuscendo sì a rimontare fino alla settima posizione, ma a più di venti secondi dal vincitore.

“Abbiamo provato a cambiare il setup per risolvere i problemi di sabato, ma è stato ancora peggio. Era veramente difficile guidare oggi. È difficile essere contenti, ma voglio rimanere positivo perché il team e tutti i ragazzi in Ducati stanno lavorando sodo per aiutarmi a risolvere i problemi. Sappiamo che possiamo guidare bene, lottare per il podio e per la vittoria. Non è un momento facile per noi, ma non ci arrendiamo” – ha detto Marco Melandri – “Anche se non stavo lottando per le posizioni migliori, ho provato a lottare con la stessa energia che metto quando combatto per la vittoria”, dice. “Ma non sono riuscito a sopravanzare Torres, guidava davvero bene ed io avevo problemi in molte aree”.

SBK | Motul Dutch Round, Gara2: domenica da dimenticare per Ducati
Vota questo articolo
Leggi altri articoli in Superbike

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati