SBK | Analisi tecnica: Honda cambia elettronica

Ufficiale il passaggio da Cosworth a Magneti Marelli ad Aragon

SBK | Analisi tecnica: Honda cambia elettronicaSBK | Analisi tecnica: Honda cambia elettronica

In occasione del Pirelli Aragon Round, che si sta svolgendo al circuito del Motorland, il team Red Bull Honda cambierà ufficialmente la scelta del pacchetto elettronico, passando da Cosworth a Magneti Marelli: si tratta di una soluzione provata a lungo nei test invernali, che si sono tenuti anche sulla pista spagnola.

Considerato che la chiave per trovare il giro veloce viene dal sistema binario dell’Unità di Controllo Elettronica, si comprende come una diversa soluzione in questo settore sia determinante nelle prestazioni della moto e possa, nel caso di Honda, giocare un ruolo chiave nell’accelerare lo sviluppo.

Le performance convincenti di Leon Camier e Jake Gagne nei round di apertura avevano creato qualche dubbio sulla tempista di introduzione: con il ritorno del Campionato in Europa, i tecnici Honda hanno rotto gli indugi e ora il team cercherà di adattarsi il prima possibile.

“Non è l’ideale cambiare l’Unità di Controllo Elettronica durante la stagione” – ammette il team manager Red Bull Honda Kervin Bos – “Ci è voluto tempo per la consegna delle componenti, ma ora siamo pronti a fare questo cambio. Il potenziale del pacchetto Magneti Marelli è molto buono per noi perché c’è un grande supporto e c’è anche una grande esperienza con il pacchetto. Avere un buon riscontro nella prima giornata è stato positivo e sappiamo che il potenziale è molto alto.”

Nonostante non sia ideale fare un cambio così significativo durante la stagione, Leon Camier è cosciente del potenziale del pacchetto, che lui ha già avuto modo di provare in passato: “Sta lavorando bene, ma sappiamo di dover trovare un po’ più di velocità. Il freno motore, il traction control, l’anti-impennata sono buoni e ora vanno raffinati. Con una sessione bagnata, un problema nelle FP2 e pochi giri nelle FP3 è stata una giornata strana, ma positiva. Credo che i passi avanti che stiamo facendo siano grandi ed è facile da sottovalutare, quindi andare bene così velocemente è veramente una sorpresa.”

“Sul bagnato il telaio ha lavorato incredibilmente bene e l’obiettivo per l’elettronica è quello di aiutare la moto. Si se ha una buona base di telaio vuol dire che abbiamo un sacco di potenziale dall’elettronica in futuro. Puoi migliorare il telaio dove pensi che l’elettronica possa fare la differenza e sappiamo la direzione che vogliamo prendere. Jake sta dando lo stesso feedback e questo vuol dire che possiamo lavorare su diversi elementi ed ottenere di più.”

Leggi altri articoli in Superbike

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati