MotoGP | Gp Qatar Michelin: Taramasso, “Ci aspettiamo un grande inizio di stagione”

In occasione della prima gara del motomondiale, il costruttore francese porterà tutte le mescole posteriori asimmetriche

MotoGP | Gp Qatar Michelin: Taramasso, “Ci aspettiamo un grande inizio di stagione”MotoGP | Gp Qatar Michelin: Taramasso, “Ci aspettiamo un grande inizio di stagione”

MotoGP Gp Qatar Michelin – La prima tappa del Motomondiale 2018, che si terrà in Qatar questo fine settimana, sarà una prima sfida molto dura e particolare per Michelin.

Oltre alla particolarità di essere l’unica gara che si svolge in notturna, di conseguenza anche le variazioni di temperatura tra le sessioni saranno elevate, la sabbia che si deposita in pista e la conformazione del tracciato stesso, rendono il circuito qatariota molto ostico per la casa francese.

Per la prima gara della MotoGP, come accadeva lo scorso anno, Michelin porterà tre mescole da asciutto: soft, medium e hard. Le gomme posteriori saranno tutte asimmetriche. In caso di pioggia e grazie ai test svolti con pista bagnata nella pre-season, la casa francese ha deciso di portare due mescole full-wet: morbide e medie. Anche in questo caso le gomme posteriori di entrambi i compound saranno asimmetriche.

La più grande novità che l’azienda di Clermont-Ferrand ha deciso di portare in questa stagione è la decisione di comunicare a Dorna e Team quali compound verranno portati nelle gare della stagione con largo anticipo. Questo dovrebbe rendere la situazione molto più stabile rispetto agli anni passati.

Queste le parole di Piero Taramasso: “Abbiamo avuto tre test importanti che hanno preceduto la prima gara della stagione. Da Sepang abbiamo testato due nuove gomme anteriori che sono state approvate dai piloti ed è stato deciso di utilizzarle nel corso di tutta la stagione. Siamo soddisfatti dei risultati ottenuti in Thailandia. Era la prima volta che andavamo lì e siamo soddisfatti dei risultati. I test ci hanno dato informazioni sia sul tracciato che sul livello di usura in quelle condizioni. Questo ci aiuterà a decidere quali gomme portare quando ci torneremo a ottobre, anche se sarà la stagione dei monsoni e le cose potrebbero essere diverse. Una delle cose più importanti che abbiamo fatto prima dell’inizio della stagione è stata quella di comunicare a Dorna quali saranno le gomme che porteremo ad ogni Gran Premio. Questo darà a piloti e team maggiore stabilità e permetterà loro di programmare ogni evento con anticipo. Ovviamente la sicurezza e le performance rimangono gli unici obiettivi di Michelin, per questo, in caso di condizioni particolari o di modifiche ai circuiti, faremo le nostre valutazioni per poi decidere eventuali modifiche, ma non prima di aver sentito il parere di tutti.”

“Sulla prima gara. La superficie è molto abrasiva cosi abbiamo deciso di portare una selezione di gomme per far fronte a questa condizione. Abbiamo imparato molto durante la tre giorni di test in particolare su quanto cambi la temperatura tra le sessioni con il sole e quelle di notte, ma pensiamo di aver scelto le gomme giuste per far fronte a tutte le situazioni. L’asfalto avrà molto più grip, visto che adesso ci saranno anche Moto2 e Moto3, e il circuito verrà usato di più. Non vediamo l’ora di tornare a correre e ci aspettiamo un grande inizio di stagione.”

Foto: Alex Farinelli

MotoGP | Gp Qatar Michelin: Taramasso, “Ci aspettiamo un grande inizio di stagione”
Vota questo articolo
Leggi altri articoli in MotoGP

Lascia un commento

1 commento
  1. fatman

    15 marzo 2018 at 12:48

    ..ma il gommino del geriatra non è contemplato?

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati

MotoGP | Gp Qatar Michelin: Taramasso, “Ci aspettiamo un grande inizio di stagione”

In occasione della prima gara del motomondiale, il costruttore francese porterà tutte le mescole posteriori asimmetriche

di 13 marzo, 2018
MotoGP | Gp Qatar Michelin: Taramasso, “Ci aspettiamo un grande inizio di stagione”MotoGP | Gp Qatar Michelin: Taramasso, “Ci aspettiamo un grande inizio di stagione”

MotoGP Gp Qatar Michelin – La prima tappa del Motomondiale 2018, che si terrà in Qatar questo fine settimana, sarà una prima sfida molto dura e particolare per Michelin.

Oltre alla particolarità di essere l’unica gara che si svolge in notturna, di conseguenza anche le variazioni di temperatura tra le sessioni saranno elevate, la sabbia che si deposita in pista e la conformazione del tracciato stesso, rendono il circuito qatariota molto ostico per la casa francese.

Per la prima gara della MotoGP, come accadeva lo scorso anno, Michelin porterà tre mescole da asciutto: soft, medium e hard. Le gomme posteriori saranno tutte asimmetriche. In caso di pioggia e grazie ai test svolti con pista bagnata nella pre-season, la casa francese ha deciso di portare due mescole full-wet: morbide e medie. Anche in questo caso le gomme posteriori di entrambi i compound saranno asimmetriche.

La più grande novità che l’azienda di Clermont-Ferrand ha deciso di portare in questa stagione è la decisione di comunicare a Dorna e Team quali compound verranno portati nelle gare della stagione con largo anticipo. Questo dovrebbe rendere la situazione molto più stabile rispetto agli anni passati.

Queste le parole di Piero Taramasso: “Abbiamo avuto tre test importanti che hanno preceduto la prima gara della stagione. Da Sepang abbiamo testato due nuove gomme anteriori che sono state approvate dai piloti ed è stato deciso di utilizzarle nel corso di tutta la stagione. Siamo soddisfatti dei risultati ottenuti in Thailandia. Era la prima volta che andavamo lì e siamo soddisfatti dei risultati. I test ci hanno dato informazioni sia sul tracciato che sul livello di usura in quelle condizioni. Questo ci aiuterà a decidere quali gomme portare quando ci torneremo a ottobre, anche se sarà la stagione dei monsoni e le cose potrebbero essere diverse. Una delle cose più importanti che abbiamo fatto prima dell’inizio della stagione è stata quella di comunicare a Dorna quali saranno le gomme che porteremo ad ogni Gran Premio. Questo darà a piloti e team maggiore stabilità e permetterà loro di programmare ogni evento con anticipo. Ovviamente la sicurezza e le performance rimangono gli unici obiettivi di Michelin, per questo, in caso di condizioni particolari o di modifiche ai circuiti, faremo le nostre valutazioni per poi decidere eventuali modifiche, ma non prima di aver sentito il parere di tutti.”

“Sulla prima gara. La superficie è molto abrasiva cosi abbiamo deciso di portare una selezione di gomme per far fronte a questa condizione. Abbiamo imparato molto durante la tre giorni di test in particolare su quanto cambi la temperatura tra le sessioni con il sole e quelle di notte, ma pensiamo di aver scelto le gomme giuste per far fronte a tutte le situazioni. L’asfalto avrà molto più grip, visto che adesso ci saranno anche Moto2 e Moto3, e il circuito verrà usato di più. Non vediamo l’ora di tornare a correre e ci aspettiamo un grande inizio di stagione.”

Foto: Alex Farinelli

http://motograndprix.motorionline.com/2018/03/13/motogp-gp-qatar-michelin-taramasso-ci-aspettiamo-un-grande-inizio-di-stagione/