MotoGP | Presentata a Salisburgo la nuova KTM RC16

Il 2018 sarà il secondo anno in classe regina per il team austriaco e le aspettative sono alte

MotoGP | Presentata a Salisburgo la nuova KTM RC16MotoGP | Presentata a Salisburgo la nuova KTM RC16

MotoGP Presentazione KTM – Oggi, presso lo storico Hangar-7 di Salisburgo, è stata presentata la nuova KTM RC16 che prenderà parte alla stagione 2018 MotoGP.

Sarà la seconda stagione per il team austriaco in classe regina e le aspettative sono alte. In pista anche quest’anno Pol Espargarò e Bradley Smith. La KTM ha aumentato lo sforzo in Moto2, dove il prossimo anno ci saranno 5 KTM, due delle quali affidate ai piloti “ufficiali”: Miguel Oliveira e Brad Binder. In Moto3 punteranno tutto su Darrin Binder.

Il pilota spagnolo è reduce da un brutto infortunio rimediato durante i test malesi, che lo ha costretto a saltare parte del pre-campionato e a sottoporsi ad un intervento per ridurre un’arnia alla schiena: “Non sono riuscito a girare tutti e tre i giorni di test, nel primo e nel terzo non ero al 100%, ma meglio di quanto mi aspettassi. Vedremo. Mi sento bene sulla moto e cercherò di fare il mio meglio.”Ha detto Pol Espargarò, che poi ha aggiunto: “L’unico problema è fisico, le moto si muovo e ti scuotono parecchio, se non sei al 100%, non senti la moto. Non ho girato tutti i giorni di test ma mi fido della squadra che ha testato la moto quando non ero in sella. Il nostro obiettivo è di finire nella top ten come l’anno scorso, anche se sarebbe meglio entrare nella top six.”

Dall’altra parte del box, Bradley Smith: “Non sono riuscito a girare tutti e tre i giorni di test, nel primo e nel terzo non ero al 100%, ma meglio di quanto mi aspettassi. Vedremo. Mi sento bene sulla moto e cercherò di fare il mio meglio. L’unico problema è fisico, le moto si muovo e ti scuotono parecchio, se non sei al 100%, non senti la moto. Non ho girato tutti i giorni di test ma mi fido della squadra che ha testato la moto quando non ero in sella. Il nostro obiettivo è di finire nella top ten come l’anno scorso, anche se sarebbe meglio entrare nella top six”.

MotoGP | Presentata a Salisburgo la nuova KTM RC16
Vota questo articolo
Leggi altri articoli in MotoGP

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati

MotoGP | Presentata a Salisburgo la nuova KTM RC16

Il 2018 sarà il secondo anno in classe regina per il team austriaco e le aspettative sono alte

di 12 marzo, 2018
MotoGP | Presentata a Salisburgo la nuova KTM RC16MotoGP | Presentata a Salisburgo la nuova KTM RC16

MotoGP Presentazione KTM – Oggi, presso lo storico Hangar-7 di Salisburgo, è stata presentata la nuova KTM RC16 che prenderà parte alla stagione 2018 MotoGP.

Sarà la seconda stagione per il team austriaco in classe regina e le aspettative sono alte. In pista anche quest’anno Pol Espargarò e Bradley Smith. La KTM ha aumentato lo sforzo in Moto2, dove il prossimo anno ci saranno 5 KTM, due delle quali affidate ai piloti “ufficiali”: Miguel Oliveira e Brad Binder. In Moto3 punteranno tutto su Darrin Binder.

Il pilota spagnolo è reduce da un brutto infortunio rimediato durante i test malesi, che lo ha costretto a saltare parte del pre-campionato e a sottoporsi ad un intervento per ridurre un’arnia alla schiena: “Non sono riuscito a girare tutti e tre i giorni di test, nel primo e nel terzo non ero al 100%, ma meglio di quanto mi aspettassi. Vedremo. Mi sento bene sulla moto e cercherò di fare il mio meglio.”Ha detto Pol Espargarò, che poi ha aggiunto: “L’unico problema è fisico, le moto si muovo e ti scuotono parecchio, se non sei al 100%, non senti la moto. Non ho girato tutti i giorni di test ma mi fido della squadra che ha testato la moto quando non ero in sella. Il nostro obiettivo è di finire nella top ten come l’anno scorso, anche se sarebbe meglio entrare nella top six.”

Dall’altra parte del box, Bradley Smith: “Non sono riuscito a girare tutti e tre i giorni di test, nel primo e nel terzo non ero al 100%, ma meglio di quanto mi aspettassi. Vedremo. Mi sento bene sulla moto e cercherò di fare il mio meglio. L’unico problema è fisico, le moto si muovo e ti scuotono parecchio, se non sei al 100%, non senti la moto. Non ho girato tutti i giorni di test ma mi fido della squadra che ha testato la moto quando non ero in sella. Il nostro obiettivo è di finire nella top ten come l’anno scorso, anche se sarebbe meglio entrare nella top six”.

http://motograndprix.motorionline.com/2018/03/12/motogp-presentata-a-salisburgo-la-nuova-ktm-rc16/