SBK|Winter Test: Jonathan Rea è ancora l’uomo da battere

Sessione senza storie a Portimao dove il Campione in carica ha dominato

SBK|Winter Test: Jonathan Rea è ancora l’uomo da battereSBK|Winter Test: Jonathan Rea è ancora l’uomo da battere

L’unico a dargli fastidio è stato il vento: nella due giorni di test di inizio settimana all’Autodromo Internacional do Algarve, a Portimao, Jonathan Rea (Kawasaki Racing Team) non ha avuto rivali e ha frantumato tutti i riferimenti della pista, compreso il record di Tom Sykes che resisteva dal 2013.

Diversamente dalla sessione di domenica 28 gennaio, in quella di lunedì il Campione in carica ha lavorato molto con le gomme e sul passo gara, portando a termine il lavoro previsto.
Nel complesso il secondo giorno è stato più difficile e il feeling con la moto un pochino inferiore a causa delle forti raffiche che hanno i costretto i piloti ai box per alcuni tratti.

Anche il suo compagno team è stato penalizzato nel day2 in cui non è riuscito a trovare lo spunto giusto per replicare l’ottimo crono della domenica, anche lui sotto il suo stesso record del 2013.
Tom Sykes è stato contento dei progressi fatti con gli pneumatici Pirelli usati e in generale riguardo al feeling sulla ZX-10RR.

Jonathan Rea ha spiegato: “Oggi è stata una giornata un po’ difficile per le condizioni molto ventose, quindi non mi sentivo davvero a mio agio spingendo al limite. Non aveva senso usare una gomma da qualifica o fare long run. Abbiamo anche provato un nuovo pneumatico anteriore e una nuova posteriore da Pirelli. Ci aspettiamo che arrivino in futuro, ma entrambe le volte che li ho usati sono stato interrotto da bandiere rosse. Quindi è stato un giorno strano per certi versi. In generale il test è stato buono perché ieri siamo stati in grado di avere due ore mentre il vento era un po’ calato e fare alcuni test produttivi. Il feeling con la moto è migliorato. Mi sono ripreso perchè a Jerez la scorsa settimana ero veloce ma non mi sentivo al 100% sulla moto. Qui sono andato molto meglio nei primi giri. ”

“Oggi è andata relativamente bene” – ha commentato Tom Sykes – “Ma non abbiamo ottenuto quel tempo sul giro più veloce. Sui pneumatici usati il ​​ritmo andava molto meglio ed eravamo dove abbiamo bisogno di essere. Gli ultimi due giorni sono stati fondamentalmente test di funzionamento, quindi non abbiamo mai avuto la possibilità di mettere a punto il set-up, ma sono felice perché non sono troppo distanti da dove dobbiamo essere. Sentivo che stavamo facendo buoni progressi e abbiamo fatto tutto in tempo per andare a Phillip Island. Posso andare lì con una “lavagna pulita” e iniziare davvero a lavorare. “

SBK|Winter Test: Jonathan Rea è ancora l’uomo da battere
Vota questo articolo
Leggi altri articoli in Superbike

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati