MotoGP | Test IRTA Sepang Day 3: Vinales, “Non so cosa sia successo, ma stiamo lavorando”

Il pilota Yamaha solo diciottesimo ha poi elogiato la Ducati: "E' ad un livello eccellente"

MotoGP | Test IRTA Sepang Day 3: Vinales, “Non so cosa sia successo, ma stiamo lavorando”MotoGP | Test IRTA Sepang Day 3: Vinales, “Non so cosa sia successo, ma stiamo lavorando”

MotoGP Test IRTA Sepang Day 3 Movistar Yamaha – Ultima giornata di test sul circuito malese di Sepang molto complicata per Maverick Vinales, che ha chiuso con il diciottesimo tempo.

Lo spagnolo non è riuscito a ripetere l’ottima prestazione del secondo giorno che gli aveva permesso di chiudere al comando. Al momento non sono ancora chiari i motivi di questo improvviso “crollo”, ma lo il #25 assicura che cercheranno la causa. Sia ieri che oggi Vinales è sceso in pista con la nuova carena alata, al momento promossa a pieni voti.

Queste le parole di Maverick Vinales: “Onestamente, abbiamo lavorato abbastanza bene. Oggi è stato difficile. Non so il motivo per cui abbiamo perso il tempo, soprattutto nel pomeriggio – al mattino è andata abbastanza bene. Comunque, abbiamo lavorato duramente, cercando di migliorare, così ora dobbiamo controllare i dati e vedere cosa siamo in grado di migliorare in Buriram. Penso che la nuova carenatura sia molto positiva, perché ho sentito un miglioramento in accelerazione, vedremo. Credo che il il circuito in Buriram con le sue accelerazione, sia il posto migliore per testare la carena. La Ducati è ad un livello eccellente. Aspettiamo il test della Thailandia, ma penso che saranno in testa alla gara inaugurale della stagione del Qatar”.

Foto: Alex Farinelli

MotoGP | Test IRTA Sepang Day 3: Vinales, “Non so cosa sia successo, ma stiamo lavorando”
Vota questo articolo
Leggi altri articoli in MotoGP

Lascia un commento

5 commenti
  1. TONYKART

    30 gennaio 2018 at 17:15

    Povero ragazzo,era il nuovo fenomeno della moto gp , la Yamaha ancora non ha finito di pagarlo il Conto Dell errore di seguire i capricci di rossi …

    • fatman

      30 gennaio 2018 at 18:06

      …e non è ancora finita: il geriatra puzzone sarà in pista anche nel 2019…vuole l’undicesimo titolo
      ahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahah
      ahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahah
      ahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahah
      ahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahah
      ahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahah
      ahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahah
      ahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahah
      ahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahah
      ahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahah
      ahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahah
      ahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahah
      ahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahah
      ahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahah
      ahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahah
      ahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahah
      ahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahah
      ahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahah
      ahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahah
      ahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahah…

      • TONYKART

        30 gennaio 2018 at 20:49

        ci siamo quasi ,preparati che ci faremo grosse risate quest anno ahahahahhaahahahah

  2. ChiccoCj_46

    2 febbraio 2018 at 13:15

    l’errore è stato uno ed uno solamente, fidarsi ciecamente dei riscontri cronometrici ottenuti in pista da Vinales “che venendo da Suzuki avrebbe vinto pure con la graziella di mia nonna” all inizio della stagione 2017,fregandosene altamente del parere di un pilota esperto e stra-vincente come Valentino Rossi,che da subito ha dichiarato di aver problemi con il nuovo telaio.visto che in pista Vinales era il più veloce di tutti si è continuato su quella linea perdendo solo tempo..una volta finita l enfasi del primo incontro anche Maverick è andato male e la moto era sempre quella non era cambiato niente a parte le gomme che quasi tutti avevano votato come la migliore.la stagione è andata come è andata.finisce la stagione 2017 e cominciano i test a novembre la moto di Rossi e Vinales viene data a Zarco che un po come fece Maverick all inizio della stagione passata è andata fortissimo dichiarando che addirittura era piu semplice guidarla.tutti a dire come voi ecco la colpa è stata di Rossi!si arriva a gennaio,altri test e Zarco riprende il telaio 2016 perchè con quello 2017 non si trova più bene..ecco mi sorge un dubbio,siamo sicuri che se avessero dato ascolto a Valentino all inizio 2017 non avrebbero gia vinto il mondiale con Vinales ?. ecco questo penso, poi a cose fatte puntare il dito è troppo semplice.

  3. ChiccoCj_46

    2 febbraio 2018 at 13:18

    cmq si rideremo..e tanto,mo nn vedo l’ora che ricominci sto benedetto mondiale che sembra manchi qualcosa senza le corse

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati