MotoGP | Test IRTA Sepang Day 2: Rossi, “Sono competitivo, anche come ritmo”

Il centauro della Yamaha ha promosso la nuova carena: "Non vedo svantaggi"

MotoGP | Test IRTA Sepang Day 2: Rossi, “Sono competitivo, anche come ritmo”MotoGP | Test IRTA Sepang Day 2: Rossi, “Sono competitivo, anche come ritmo”

MotoGP Test IRTA Sepang Day 2 Movistar YamahaValentino Rossi si è detto molto soddisfatto della seconda giornata di test IRTA della classe MotoGP a Sepang.

Il centauro pesarese della Yamaha ha infatti ottenuto il secondo tempo, a soli 35 millesimi dal leader, il suo team-mate Maverick Vinales.

La M1 2018, che ha come base il telaio 2016, ha fino ad’ora fatto felice il 9 volte campione del mondo. Il #46 ha percorso 39 giri, il migliore al 38esimo passaggio, 1:59.390. Il pesarese ha usato il casco replica del 1997 per celebrare i suoi 20 anni con AGV. A lui la parola.

“La nuova moto come già detto è basata sul telaio del 2016, ma c’è stata un’evoluzione ed oggi ho provato un telaio leggermente diverso. Domani forse tornerò all’altra versione, non era scontato riprendere il vecchio telaio, ma nei test di novembre abbiamo visto che era migliore e per questo abbiamo deciso di utilizzarlo come base.”

Rossi ha poi parlato del Day 2, dove come detto ha ottenuto il secondo tempo.

“Oggi è stata un’altra buona giornata, perché ho avuto un buon feeling con la moto per tutto il giorno, sono sempre stato competitivo, anche come ritmo. Siamo molto più veloci con gli pneumatici usati rispetto al 2017, una cosa molto importante. La lotta è serrata, siamo tutti vicini, quindi dobbiamo prestare attenzione a tutti i dettagli se vogliamo stare al passo. La stagione è appena iniziata, ma è importante iniziare bene. Nel 2017 abbiamo iniziato male e poi abbiamo vissuto una stagione con molti alti e bassi. Abbiamo avuto un sacco di problemi. Se si inizia positivamente, è più piacevole.”

Rossi ha provato la nuova carena, ecco le sue sensazioni. “La gomma anteriore ha più carico, c’è una maggiore deportanza. Nelle curve senti meglio la gomma anteriore, non vedo svantaggi.”

Rossi ha poi parlato del casco utilizzato. “Agv mi ha detto che sono passati 20 anni dalla mia prima vittoria del titolo. Quindi abbiamo ripreso il progetto del 1997 e mi piace. L’ho indossato per avere qualche foto.”

Foto: Alex Farinelli

MotoGP | Test IRTA Sepang Day 2: Rossi, “Sono competitivo, anche come ritmo”
Vota questo articolo
Leggi altri articoli in MotoGP

Lascia un commento

19 commenti
  1. nandop6

    29 gennaio 2018 at 15:06

    MotoGP, Zarco: non riesco ad essere veloce come voglio
    Il telaio preoccupa il francese: se non riuscirò ad esprimermi al massimo con quello 2017, dovrò cambiare

    Ma come era un telaio super, lo guidava con più facilità, che sborone!!!!

    • TONYKART

      29 gennaio 2018 at 17:34

      dove hai trovato queste dichiarazioni?quelle che ho letto io sono molto diverse…

      • nandop6

        29 gennaio 2018 at 21:09

        Su gp one

    • cujo

      29 gennaio 2018 at 17:47

      su altri blog, cerca e vedrai che le trovi…..

      • TONYKART

        29 gennaio 2018 at 19:21

        ho trovato che zarco rispetto l anno scors o con questa yamaha ha girato 8 decimi piu’ veloce,mi sa che quello che ha scritto l articolo che dici tu e’ un tifoso di rossi

      • cujo

        29 gennaio 2018 at 19:38

        no, sei tu che sei deformato mentalmente e guardi solo il giro secco, Zarco si esprime in passo gara, quando dice che non ha un buon feeling, ovviamente riferito hai long run….

      • TONYKART

        29 gennaio 2018 at 21:31

        primo ho guardato l intervista a zarco e non ha detto le parole che riporta l articolo che hai citato tu!zarco si e’ limitato a dire che la nuova moto e’ molto piu’ gentile con gli pneumatici e se migliora ancora qualcosa e’ molto competitivo,poi aggiunge un vedremo!…..io sono deformato,quindi zarco guarda il giro secco ma rossi cosa guarda invece che il long run piu’ lungo che ha fatto e’ di 6 giri????ahahahahh in base a quello parlate di yamaha rinata?

      • cujo

        30 gennaio 2018 at 08:29

        non ho capito se ci sei, o ci fai, il target è quello, 6/7 giri…. tu hai visto i piloti Ducati farne di più??

  2. cujo

    29 gennaio 2018 at 17:02

    Ha fatto un po’ il paraqulo, non gliene faccio una colpa però….

  3. TONYKART

    29 gennaio 2018 at 17:11

    secondo me sono un po premature le considerazioni di rossi tanto quelle di zarco sul telaio 2017,rossi e maverick non e’ vero che l anno scorso qui avevano problemi quindi aspetterei qualche gara prima di dire che yamaha e’ saltata fuori dai problemi,zarco prima di dire che con la 2017 lui puo’ fare grandi cose lo voglio vedere,l anno scorso rossi maverick le hanno tentate tutte con quella moto..

  4. cujo

    29 gennaio 2018 at 17:42

    l’anno scorso nei test Vinales apparentemente no, Rossi si prendeva più di un secondo e mezzo, e diceva che la moto non lo convinceva, però visti i tempi del compagno di squadra, qualche dubbio gli veniva……

    l’altro giorno Vinales ha dichiarato, anzi, ha imparato che non serve a niente fare super tempi nei test….

  5. cujo

    29 gennaio 2018 at 17:45

    e cmq si, sono dei test, e i girnalisti ti chiedono come và, che cosa devono rispondere….

    apparentemente le sensazioni sono buone, se consideri che Rossi nei test non cerca mai la prestazione, però dalle sue parole sembra che quei tempi gli vengono senza forzare più di tanto

  6. TONYKART

    29 gennaio 2018 at 18:46

    a sentirli sembrano tutti contenti,ma ancor piu’ della stagione scorsa i distacchi saranno ancora piu’ risicati,con tre decimi di ritardo rischi di partire decimo,in piu’ gli pneumatici come al solito se mal interpretati ti abbandonano,zarco e miller sono osservati molto interessanti

    • cujo

      29 gennaio 2018 at 19:40

      si e allora?? speriamo che voglia dire un campionato più combattuto e che ci sia più gente a contendersi il titolo….. per Miller ci spero, mi è sempre piaciuto come pèilota, l’ho criticato quando ha fatto il passo più lungo della gamba, ma ha la pazzia giusta…..

      • TONYKART

        29 gennaio 2018 at 21:21

        guarda che a me se il tuo rossi e’ competitivo non da mica fastidio…per me va bene se vince il migliore chiunque sia,se invece vince chi vogliono fare vincere come accadeva fino al 2015 non va bene…

  7. V.D.S

    29 gennaio 2018 at 21:17

    Se venisse fuori un campionato con 8 o 10 piloti in grado di giocarsi la vittoria sarebbe uno spettacolo.. speriamo.

  8. cujo

    29 gennaio 2018 at 22:15

    8 O 10 piloti sarebbe un sogno, mi accontenterei di un paio meno

    Tony tu hai una deformazione inguardabile, cmq mi fa piacere che citi il 2015, vuol dire che anche a te non è piaciuto….

  9. TONYKART

    30 gennaio 2018 at 11:45

    Cujo ci rinuncio con te ,d altraparte se non eri così non eri un tifoso di rossi …

    • cujo

      30 gennaio 2018 at 14:48

      ma chi tu?? ma se ci vuole l’interprete con te, non si capisce mai un casso di quello che scrivi…..

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati

MotoGP

Campionato MotoGP eSport, inizia la nuova sfida

I dodici migliori giocatori si sfideranno in due semifinali a Misano e a Madrid e poi la finalissima a Valencia
Condividi su WhatsApp MotoGP eSport 2018 – Torna il Campionato MotoGP™ eSport 2018, che dopo aver esaltato pubblico e giocatori