MotoGP | Test IRTA Sepang Day 1: Petrucci, “La nuova moto mi piace, è molto più istintiva”

Il pilota ternano ha chiuso la prima giornata con il quarto crono

MotoGP | Test IRTA Sepang Day 1: Petrucci, “La nuova moto mi piace, è molto più istintiva”MotoGP | Test IRTA Sepang Day 1: Petrucci, “La nuova moto mi piace, è molto più istintiva”

MotoGP Test IRTA Sepang Day 1 Ducati PramacDanilo Petrucci ha chiuso la prima giornata di test IRTA sul circuito di Sepang con il quarto tempo, alle spalle dei due piloti del team Ducati ufficiale e del leader di giornata, Dani Pedrosa.

Il pilota Pramac dopo aver lavorato sulla nuova moto nel finale della sessione è sceso in pista con un set di gomme morbide usate, cosa che gli ha permesso di migliorare notevolmente il proprio crono. Quella utilizzata dal ternano è la stessa moto del team ufficiale, una versione modificata della GP17. La moto vista durante i test privati di Jerez, al momento non sembra essere stata utilizzata. La principale differenza rispetto alla moto utilizzata nella scorsa stagione è nel motore, infatti, sebbene abbia guadagnato qualche cavallo in più è diventato più “docile”.

Queste le parole di Danilo Petrucci: “Sono molto contento di aver rotto il ghiaccio così, c’è sempre pressione il primo giorno. Erano quasi 2 mesi che non andavo in moto quindi sono molto felice. Alla fine abbiamo messo una gomma morbida usata e abbiamo fatto una specie di time attack. La nuova moto mi piace molto, è molto più istintiva e posso spingere come voglio. La moto non ha un punto in cui è nettamente migliore o peggiore, ma tutto viene molto facilmente. Questo credo derivi dal fatto che ha un erogazione più fluida che permette di avere la moto più stabile meno nervosa e ti permette di avere più confidenza. La cosa che mi piace di più è che puoi seguire il tuo istinto, se decidi di frenare dopo o aprire prima il tempo scende e questo spesso in MotoGP non accade. Sono molto contento.”

MotoGP | Test IRTA Sepang Day 1: Petrucci, “La nuova moto mi piace, è molto più istintiva”
Vota questo articolo
Leggi altri articoli in MotoGP

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati