MotoGP: Andrea Iannone, “Abbiamo trovato alcune soluzioni e il 2018 sembra più luminoso”

Il pilota della Suzuki suona la carica dopo un 2017 disastroso

di

Condividi su Facebook Pubblica su Twitter Condividi su Google+
MotoGP: Andrea Iannone, “Abbiamo trovato alcune soluzioni e il 2018 sembra più luminoso”

MotoGP Andrea Iannone – La stagione 2017, la prima in Suzuki, ormai è storia passata per Andrea Iannone, che è pronto ad iniziare il nuovo mondiale con tantissimi buoni propositi.

La stagione è finita con il misero bottino di 70 punti, ma non si è trattato solo di problemi di risultati, bensì “The Maniac” arrivato in un certo momento della stagione ha perso completamente la “bussola”, non riuscendo più a trovare fiducia nella moto.

Ormai è chiaro anche ai non addetti ai lavori, il più grande sbaglio della stagione è stato la scelta del motore, che ha scatenato un effetto domino e ha reso la vita difficile ad entrambi i piloti Suzuki.

“Quest’anno non è stata una stagione facile per noi e sicuramente più difficile del previsto. Quando abbiamo provato per la prima volta il GSX-RR a Valencia l’anno scorso, il mio feeling era molto buono e con tutto il team pensavamo di poter ottenere buoni risultati.” Ha detto Andrea Iannone, che ha poi aggiunto: “Sfortunatamente questo non è accaduto. Nonostante la prima gara in Qatar sia stata buona, abbiamo iniziato a lottare e mi ci è voluto molto tempo per abituarmi alla Suzuki. Il mio capo squadra Marco Rigamonti e io eravamo nuovi nel Team Suzuki, il che significa che dovevamo partire da zero con la conoscenza della moto e con la filosofia di lavoro dell’azienda giapponese.”

Dopo tanti anni in Ducati, cambiare squadra e ricominciare tutto da capo con un nuovo metodo di lavoro è stata forse la cosa che per cui ha sofferto di più il pilota di Vasto: “Ogni team MotoGP è diverso e quando vieni da molti anni con un ambiente specifico è davvero complicato cambiare il tuo modo di affrontare il lavoro e anche di affrontare i problemi. Ma con il passare del tempo nel box impari a fidarti dei tuoi colleghi e approfitti dell’enorme numero di cose che possono spiegarti e insegnarti sulla moto.”

L’esordio con la Suzuki è stato molto al di sotto delle aspettative per il pilota di Vasto, che nelle difficoltà ha forse trovato un lato del suo carattere che gli ha permesso di superare i momenti difficili: “La pazienza e la concentrazione sono la chiave del successo, è una cosa in cui ho sempre creduto. E questo è stato dimostrato anche quest’anno. Abbiamo continuato a lavorare, poco a poco, passo dopo passo. Siamo stati molto frustrati, ma anche nei momenti più bui, non abbiamo mai perso la fiducia nel duro lavoro.”

Il problema principale della moto per entrambi i piloti è stato il motore, una scelta errata a inizio stagione ha pregiudicato l’intero anno. Solo nel finale, con qualche aggiornamento “The Maniac” è riuscito a ritrovare un minimo di fiducia: “A Brno e poi ad Aragon, alcune nuove soluzioni tecniche sulla moto hanno rafforzato le nostre convinzioni: abbiamo trovato gli errori, abbiamo trovato alcune soluzioni e il 2018 sembra più luminoso. Questo è il risultato del lavoro di squadra, che è la chiave. ”

Foto: Alex Farinelli

Gianluca Rizzo

3rd gennaio, 2018

Tag:, , , ,

Lascia un commento

Devi eseguire il login per pubblicare un commento.

Orari GP Valencia - 12/11/2017

GP Valencia 2016

Guarda i risultati e le classifiche

Classifiche Motomondiale

Classifiche Team Motomondiale

Classifiche Factory Motomondiale



Classifica Superbike

Foto Random MotoGP
Foto Random Pit Girls

Sondaggio

Valentino Rossi può vincere il mondiale?

Visualizza Risultati

Loading ... Loading ...
Facebook
Copyright © Motorionline S.r.l. - Dati societari - P.IVA 07580890965
Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Milano in data 20/01/2012 al numero 35
Direttore Responsabile : Lorenzo V. E. Bellini