I residenti di Tavullia contro il Ranch di Valentino Rossi: “Va smantellato”

Tre proprietari di ville continuano la diatriba legale contro la società che gestisce il circuito, che nel frattempo monta pali per la luce e programma un ampliamento

di

Condividi su Facebook Pubblica su Twitter Condividi su Google+
I residenti di Tavullia contro il Ranch di Valentino Rossi: “Va smantellato”

Ranch Valentino Rossi – Troppo rumore e troppa polvere, queste le principali motivazioni mosse da alcuni abitanti di Tavullia che si sono scagliati contro il Ranch di Valentino Rossi.

La diatriba legale tra alcuni proprietari di ville, per l’esattezza cinque, contro la Test Track, società che gestisce la pista, va ormai avanti dal 2011, anno di inaugurazione del tracciato. All’epoca i residenti accusarono i gestori di abuso edilizio e di non rispettare i limiti acustici. Dopo alcuni mesi il Tar delle Marche respinse le accuse. A quel punto solo tre dei cinque proprietari di ville della zona hanno continuato a procedere per vie legali, come riportato dal Resto del Carlino, accusando nuovamente la società di non rispettare i limiti acustici e di infastidire il vicinato con la polvere alzata dalle moto.

In attesa del normale iter legale, che dovrebbe vedere il TAR pronunciarsi all’inizio del prossimo anno, al Ranch sono iniziati i lavori per l’istallazione di pali per la luce, progetto partito prima della nuova diatriba legale, ma che ha visto iniziare i lavori probabilmente nel momento peggiore.

Inoltre qualche giorno fa è stato presentato al comune di Tavullia un progetto di ampliamento della pista, che riguarda circa 6 mila m^2 che dovrebbe portare alla costruzione di un ovale forse per il flat track.

I residenti hanno tutto il diritto di ricorrere per vie legali, è comprensibile per chi non ama i motori lamentarsi del rumore, però è anche vero che l’attività in pista per gran parte dell’anno si limita al sabato tra un Gp e l’altro, in orari pre-stabiliti.

La vicenda in qualche modo ricorda quella occorsa al Mugello qualche mese fa, quando venne condannato dal tribunale di Firenze, al pagamento di un indennizzo ad una famiglia che abita vicino al circuito e che è ricorsa per vie legali contro il tracciato, reo di aver superato i limiti acustici in alcuni eventi. Tutto giusto, se non fosse che la famiglia gestisce un B&B che probabilmente ddurante eventi “rumorosi” vede il tutto esaurito.

Al di là della simpatia o del tifo per Valentino Rossi, se il circuito non dovesse essere a norma è giusto ricorrere per vie legali, ma è anche vero che oltre a portare turismo nella piccola Tavullia, rappresenta anche uno dei pochi punti di riferimento per i giovani motociclisti italiani, che sarebbe un peccato perdere.

Gianluca Rizzo

16th novembre, 2017

Tag:, , ,

Lascia un commento

Devi eseguire il login per pubblicare un commento.

Orari GP Valencia - 12/11/2017

GP Valencia 2016

Guarda i risultati e le classifiche

Classifiche Motomondiale

Classifiche Team Motomondiale

Classifiche Factory Motomondiale



Classifica Superbike

Foto Random MotoGP
Foto Random Pit Girls

Sondaggio

Stoner metterà pressione ai piloti ufficiali Ducati?

Visualizza Risultati

Loading ... Loading ...
Facebook
Copyright © Motorionline S.r.l. - Dati societari - P.IVA 07580890965
Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Milano in data 20/01/2012 al numero 35
Direttore Responsabile : Lorenzo V. E. Bellini