SBK| Pirelli Spanish Round, Gara1: Rea conquista la sua prima vittoria a Jerez

Clamoroso ritiro di Marco Melandri per un problema tecnico. Sul podio Davies e Sykes

SBK| Pirelli Spanish Round, Gara1: Rea conquista la sua prima vittoria a JerezSBK| Pirelli Spanish Round, Gara1: Rea conquista la sua prima vittoria a Jerez

A Jerez de la Frontera, dove si sta disputando il dodicesimo round del Campionato, Marco Melandri in Gara1 scattava dalla pole, seguito in prima fila da Jonathan Rea e da Alex Lowes.
Purtroppo la corsa è stata subito interrotta dalle bandiere rosse esposte a seguito del brutto incidente che ha coinvolto De Rosa e Badovini alla curva 6, dopo nemmeno metà del primo giro.

Il rider del team Althea non ha subito danni fisici ed è stato subito in grado di raggiungere il suo box, Badovini invece è stato subito assistito dal personale medico presente sul posto ed è stato portato via in ambulanza per maggiori controlli, data la sospetta frattura alla clavicola: sono state programmate delle tac per escludere lesioni gravi.

La pit lane è stata riaperta circa 15 minuti dopo, per permettere ai commissari di pulire pista e via di fuga, oltre a rimuovere le moto: procedura di quick re-start e corsa ridisegnata sulla distanza di 19 giri.
Rea scatta subito molto bene e si porta in testa al gruppo, seguito da Melandri, Sykes e Davies, autore di una partenza davvero buona, che gli ha permesso di recuperare subito molte posizioni.
Dopo pochi giri però Melandri riesce a superare Jonathan Rea e a conquistare anche un buon margine di vantaggio da gestire, quasi nello stesso momento Davies ha la meglio su Sykes e si porta alla caccia del Campione del Mondo.
A differenza di quanto si era visto ieri nelle libere, oggi la Panigale sembra decisamente messa meglio in pista anche rispetto alla Kawasaki.
Intorno all’undicesimo giro le posizioni sembrano congelarsi con Melandri in testa, seguito a distanza da Rea e poi staccato il gruppo formato da Davies, Sykes e Alex Lowes, con la battaglia che si sposta dal vertice al podio.

Al giro 16 però arriva il colpo di scena: la Panigale 199 R numero 33 perde progressivamente potenza fino a fermarsi: per Marco Melandri arriva la doccia fredda di un ritiro quando era saldamente in testa, e per Jonathan Rea è facile conquistare la sua prima vittoria sulla pista di Jerez de la Frontera.
Dietro di lui completano il podio Chaz Davies e Tom Sykes, quarto posto per Alex Lowes seguito dal compagno di team Michael Van der Mark.
Splendido sesto posto per Sylvain Guintoli con la Kawasaki del team Puccetti Racing: una gara solida e costante per il Campione del Mondo 2014 che dimostra di meritare una sella in questo Campionato.
Buon settimo posto per Lorenzo Savadori, seguito dal compagno di box Eugene Laverty autore di una bella rimonta dopo che un largo nelle prime fasi di gare lo aveva relegato intorno alla 12esima posizione.
Completano la top ten Xavi Fores con la Panigale del team Barni Racing e Roman Ramos con la Ninja del team Go Eleven.
Gara difficile per Leon Camier, solo dodicesimo al termine di una divertente battaglia con Jordi Torres, tredicesimo: poco prima del via i suoi meccanici hanno dovuto sostituire il motore della sua F4.
Brutta gara infine in casa Honda: Takumi Takahashi ha tagliato il traguardo in 16esima posizione dopo essere incappato in una caduta, mentre Davide Giugliano si è ritirato.

Prossimi appuntamenti domani mattina con il Warm Up e alle 13:00 con la partenza di Gara2.

Di seguito l’ordine di arrivo di Gara1 del Pirelli Spanish Round:

1. Jonathan Rea GBR Kawasaki Racing ZX-10RR 19 laps
2. Chaz Davies GBR Aruba.it Racing Ducati Panigale R +1.137s
3. Tom Sykes GBR Kawasaki Racing ZX-10RR +1.599s
4. Alex Lowes GBR PATA Crescent Yamaha R1 +3.652s
5. Michael van der Mark NED PATA Yamaha YZF-R1 +7.329s
6. Sylvain Guintoli FRA Puccetti Kawasaki ZX-10RR +11.066s
7. Lorenzo Savadori ITA Milwaukee Aprilia RSV4 +15.235s
8. Eugene Laverty IRE Milwaukee Aprilia RSV4 +16.241s
9. Xavi Fores ESP Barni Ducati Panigale R +16.273s
10. Roman Ramos ESP Team Go Eleven Kawasaki ZX-10RR +18.463s
11. Leandro Mercado ARG IodaRacing Aprilia RSV4 +21.058s
12. Leon Camier GBR MV Agusta RC F4 RR +24.869s
13. Jordi Torres ESP Althea BMW S1000RR +25.008s
14. Alessandro Andreozzi ITA Guandalini Yamaha YZF-R1 +34.028s
15. Ondrej Jezek CZE Grillini Kawasaki ZX-10RR +34.201s
16. Takumi Takahashi JPN Red Bull Honda CBR1000RR SP2 +1m
17. Riccardo Russo ITA Pedercini Kawasaki ZX-10RR +2 laps

Did not finish

Davide Giugliano ITA Red Bull Honda CBR1000RR SP2
Marco Melandri ITA Aruba.it Racing Ducati Panigale R
Dominic Schmitter SUI 81 HPC-Power Suzuki GSX-R1000

SBK| Pirelli Spanish Round, Gara1: Rea conquista la sua prima vittoria a Jerez
Vota questo articolo
Leggi altri articoli in Superbike

Lascia un commento

1 commento
  1. ligera

    21 ottobre 2017 at 18:39

    Ancora Lui. Anche quando non se lo merita, vince, più predestinato di così!!!!

    Marco Melandri, a me sta un poco li sopra, tiene troppo aperta quella bocca e solo per dargli aria, ma sta volta….. Sta volta pareva quella buona, aveva preso un discreto margine su Rea, rispondeva bene ad ogni tentativo di ricucire lo strappo, ma proprio a pochi giri dalla fine, la Ducati lo ha lasciato a piedi. Secondo me si sarebbe meritato la vittoria, finalmente, dopo tanto impegno (perchè su questo non si può dire il contrario) era riuscito a trovarci la “quadra” e, anche se antipatico, a me sarebbe piaciuto vederlo lassù, sul gradino più alto.

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati