MotoGP Austria: Safety Commission, rivisti i limiti di velocità in corsia Box

In caso di pioggia alcuni piloti non vorrebbero correre, ma Capirossi tranquillizza tutti

di

Condividi su Facebook Pubblica su Twitter Condividi su Google+
MotoGP Austria: Safety Commission, rivisti i limiti di velocità in corsia Box

MotoGP Austria Safety Commission – Ieri pomeriggio al termine del lavoro lavoro in pista si è riunita la Safety Commission, per parlare della sicurezza del Flag-To-Flag. Quello accaduto a Brno, non si può e non si deve ripetere, perché oltre alla scivolata di Andrea Iannone, causata dalla partenza senza “autorizzazione dal box, di Aleix Espargarò, anche Loris Baz è stato autore di una scivolata, che ha coinvolto un meccanico fortunatamente senza conseguenze.

Come primo atto, a partire dalla prima sessione di questa mattina, è stato deciso di diminuire la velocità in corsia box, portandola da 60km/h a 40. Questa è solo la punta dell’iceberg di una serie di modifiche ancora al vaglio, che vedranno cambiare le procedure durante il Flag-to-Flag. Già alla conferenza stampa Pedrosa aveva dato il consiglio di allargare lo spazio tra un box e l’altro per evitare di far incrociare le traiettorie, ma c’è altro.

A quanto sembra verrà utilizzato un meccanico con un lollipop, lo stesso usato in Formula1, che, al contrario di quanto accade per le 4 ruote, fermerà il pilota in ingresso al box. Queste per ora sono solo ipotesi, ma che verranno studiate, migliorate e applicate in un prossimo futuro.

In Safety Commission però è venuto alla luce un altro problema. Il tracciato di Spielberg viene utilizzato per molte competizioni motoristiche, soprattutto a 4 ruote. Le vetture, nelle staccate più impegnative, lasciano molta gomma sull’asfalto, tracciato che con la pioggia diventa molto scivolosa. Infatti la seconda sessione di libere della Moto2 sotto la pioggia è stata un festival delle cadute con 10 piloti coinvolti.

Quindi in Safety Commission, alcuni piloti si sono detti pronti a non correre nel caso in cui la gara si disputasse in condizioni di bagnato, ritenendola troppo pericolosa. Tra questi, almeno stando alle voci di paddock ci sarebbero: Aleix Espargarò, Jonas Folger e Danilo Petrucci. Con gli ultimi due che hanno definito il Red Bull Ring, la pista più pericolosa dell’anno.

A cercare di tranquillizzare i piloti ci ha provato Loris Capirossi, responsabile della sicurezza di DORNA, che ha detto che dopo la riunione, nella notte tra venerdì e sabato, con l’ausilio di getti d’acqua ad altissima pressione, i punti più critici sono stati puliti. Per il prossimo anno, sono previsti lavori per evitare che questo si possa ripetere.

Inoltre se domani si dovessero verificare condizioni di pioggia, i piloti avranno la possibilità di provare prima della gara.

Foto: Alex Farinelli

Gianluca Rizzo

12th agosto, 2017

Tag:, , , , ,

Lascia un commento

Devi eseguire il login per pubblicare un commento.

Orari GP Australia - 22/10/2017

GP Australia 2016

Guarda i risultati e le classifiche

Classifiche Motomondiale

Classifiche Team Motomondiale

Classifiche Factory Motomondiale



Classifica Superbike

Foto Random MotoGP
Foto Random Pit Girls

Sondaggio

Vorreste vedere Stoner come wild card in qualche gara?

Visualizza Risultati

Loading ... Loading ...
Facebook
Copyright © Motorionline S.r.l. - Dati societari - P.IVA 07580890965
Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Milano in data 20/01/2012 al numero 35
Direttore Responsabile : Lorenzo V. E. Bellini