Nicky Hayden: La famiglia chiede i danni all’investitore

La somma del risarcimento è tutt'ora da quantificare. C'è attesa per la perizia della Procura di Rimini

Nicky Hayden: La famiglia chiede i danni all’investitoreNicky Hayden: La famiglia chiede i danni all’investitore

Nicky Hayden incidente mortale – E’ di oggi la notizia che la famiglia di Nicky Hayden (morto lo scorso 22 maggio all’ospedale di Cesena per le ferite riportate in un grave incidente stradale mentre si allenava in bicicletta nei pressi dell’autodromo di Misano) abbia fatto la richiesta di risarcimento danni al guidatore della macchina che aveva investito lo sfortunato pilota statunitense.

La richiesta secondo quanto riporta Il Resto del Carlino è ancora da quantificare e decisiva sarà la perizia della Procura di Rimini.

Ad inviare la lettera è stato Moreno Maresi, l’avvocato a cui si è affidata la famiglia Hayden. Per contro il guidatore dell’auto si è subito rivolto ad uno dei due legali che lo stanno seguendo, Pierluigi Autunno per decidere il da farsi.

Così come riporta Il Resto del Carlino non vi sarebbero dubbi sulla dinamica. Hayden non avrebbe dato la precedenza, scontrandosi con la Peugeot, che però avrebbe viaggiato sopra i 50 Km/h, il limite vigente in quel tratto. Come detto sarà decisiva la perizia della Procura di Rimini.

Foto: Rimini Today

Nicky Hayden: La famiglia chiede i danni all’investitore
Vota questo articolo
Leggi altri articoli in Primo Piano

Lascia un commento

2 commenti
  1. Bubu

    16 luglio 2017 at 12:44

    Se Hayden non ha dato la precedenza……non vedo cosa ci sia da richiedere risarcimenti. L’altro avrà superato il limite, si beccherà la multa e relativa decurtazione dei punti dalla patente, ma se Hayden avesse dato la precedenza…..non è che i motociclisti (tra i quali ci sono anch’io….) debbano sempre aver ragione…..

  2. marquinho

    20 luglio 2017 at 23:27

    Nicky ha sbagliato, non ci piove. Ma se qualcuno avesse rispettato i limiti di velocità? L’impatto sarebbe stato meno violento e probabilmente sarebbe ancora tra noi.

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati