Moto2: L’Italtrans Racing Team fa mea culpa

Il team si è scusato per l'irregolarità riscontrata sull'olio

di

Condividi su Facebook Pubblica su Twitter Condividi su Google+
Moto2: L’Italtrans Racing Team fa mea culpa

In un comunicato, la squadra italiana ha voluto fare chiarezza in merito alla penalità inflitta a Mattia Pasini, scusandosi per l’inconveniente.

Un errore costato caro perché a Mattia è stato tolto il secondo posto di Barcellona, 20 punti che pesano parecchio nella classifica mondiale dove è stato retrocesso in sesta posizione con 73 punti.

Ecco il comunicato diramato dal team:

“L’Italtrans Racing Team vuole scusarsi con l’organizzazione MotoGP, FIM, Dorna, IRTA, i team ed i piloti Moto2, i fans, gli sponsor e con il nostro pilota, Mattia Pasini, per l’irregolarità riscontrata nel campione d’olio, durante l’ispezione post qualifica del gran premio di Barcellona. Al momento stiamo investigando per capire il problema e assicurarci che non si ripresenti più in futuro. Basiamo il nostro lavoro nello spirito della sportività e siamo sempre stati rispettosi verso le regole imposte dal campionato. Nei nostri sei anni di mondiale, non abbiamo mai avuto problemi di questo tipo e faremo il possibile affinché non avvengano più. Ora abbiamo quattro settimane di stop, torneremo ancora più forti per dimostrare di essere tra i migliori nella classe Moto2”.

Jessica Cortellazzi

4th luglio, 2017

Tag:, , ,

Lascia un commento

Devi eseguire il login per pubblicare un commento.

Orari GP Aragon - 24/09/2017

GP Aragon 2016

Guarda i risultati e le classifiche

Classifiche Motomondiale

Classifiche Team Motomondiale

Classifiche Factory Motomondiale



Classifica Superbike

Foto Random MotoGP
Foto Random Pit Girls

Sondaggio

Gigi Dall'Igna in Ducati, è l'uomo giusto per risorgere?

Visualizza Risultati

Loading ... Loading ...
Facebook
Copyright © Motorionline S.r.l. - Dati societari - P.IVA 07580890965
Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Milano in data 20/01/2012 al numero 35
Direttore Responsabile : Lorenzo V. E. Bellini