Moto2: L’Italtrans Racing Team fa mea culpa

Il team si è scusato per l'irregolarità riscontrata sull'olio

di

Condividi su Facebook Pubblica su Twitter Condividi su Google+
Moto2: L’Italtrans Racing Team fa mea culpa

In un comunicato, la squadra italiana ha voluto fare chiarezza in merito alla penalità inflitta a Mattia Pasini, scusandosi per l’inconveniente.

Un errore costato caro perché a Mattia è stato tolto il secondo posto di Barcellona, 20 punti che pesano parecchio nella classifica mondiale dove è stato retrocesso in sesta posizione con 73 punti.

Ecco il comunicato diramato dal team:

“L’Italtrans Racing Team vuole scusarsi con l’organizzazione MotoGP, FIM, Dorna, IRTA, i team ed i piloti Moto2, i fans, gli sponsor e con il nostro pilota, Mattia Pasini, per l’irregolarità riscontrata nel campione d’olio, durante l’ispezione post qualifica del gran premio di Barcellona. Al momento stiamo investigando per capire il problema e assicurarci che non si ripresenti più in futuro. Basiamo il nostro lavoro nello spirito della sportività e siamo sempre stati rispettosi verso le regole imposte dal campionato. Nei nostri sei anni di mondiale, non abbiamo mai avuto problemi di questo tipo e faremo il possibile affinché non avvengano più. Ora abbiamo quattro settimane di stop, torneremo ancora più forti per dimostrare di essere tra i migliori nella classe Moto2”.

Jessica Cortellazzi

4th luglio, 2017

Tag:, , ,

Lascia un commento

Devi eseguire il login per pubblicare un commento.

Orari GP Valencia - 12/11/2017

GP Valencia 2016

Guarda i risultati e le classifiche

Classifiche Motomondiale

Classifiche Team Motomondiale

Classifiche Factory Motomondiale



Classifica Superbike

Foto Random MotoGP
Foto Random Pit Girls

Sondaggio

Stoner metterà pressione ai piloti ufficiali Ducati?

Visualizza Risultati

Loading ... Loading ...
Facebook
Copyright © Motorionline S.r.l. - Dati societari - P.IVA 07580890965
Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Milano in data 20/01/2012 al numero 35
Direttore Responsabile : Lorenzo V. E. Bellini