Moto3 Sachsenring Day 1: Fenati, “C’è ancora del lavoro da fare”

Il dubbio principale per la gara è la scelta delle gomme

Moto3 Sachsenring Day 1: Fenati, “C’è ancora del lavoro da fare”Moto3 Sachsenring Day 1: Fenati, “C’è ancora del lavoro da fare”

Moto3 Germania Day 1 – Il pilota del team Marinelli Rivacold Snipers, Romano Fenati, ha concluso la prima giornata di libere con il secondo tempo. 

Nonostante una buona sessione, Romano non è ancora pienamente soddisfatto in quanto c’è ancora molto lavoro da fare per quanto riguarda le gomme che si deteriorano velocemente con il nuovo asfalto:

“”Sono contento per la seconda posizione ma abbiamo ancora del lavoro da fare, dobbiamo migliorare l’agilità. Il nuovo asfalto ha un buon grip ma è difficile trovare il limite perché la pista non è gommata. Dobbiamo soprattutto capire la gomma giusta per la gara, la H si consuma meno mentre la M ti consente di andare più forte. La scelta dipenderà anche dal meteo”.

Moto3 Sachsenring Day 1: Fenati, “C’è ancora del lavoro da fare”
Vota questo articolo
Leggi altri articoli in Moto3

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati

Moto3 Sachsenring Day 1: Fenati, “C’è ancora del lavoro da fare”

Il dubbio principale per la gara è la scelta delle gomme

di 30 giugno, 2017
Moto3 Sachsenring Day 1: Fenati, “C’è ancora del lavoro da fare”Moto3 Sachsenring Day 1: Fenati, “C’è ancora del lavoro da fare”

Moto3 Germania Day 1 – Il pilota del team Marinelli Rivacold Snipers, Romano Fenati, ha concluso la prima giornata di libere con il secondo tempo. 

Nonostante una buona sessione, Romano non è ancora pienamente soddisfatto in quanto c’è ancora molto lavoro da fare per quanto riguarda le gomme che si deteriorano velocemente con il nuovo asfalto:

“”Sono contento per la seconda posizione ma abbiamo ancora del lavoro da fare, dobbiamo migliorare l’agilità. Il nuovo asfalto ha un buon grip ma è difficile trovare il limite perché la pista non è gommata. Dobbiamo soprattutto capire la gomma giusta per la gara, la H si consuma meno mentre la M ti consente di andare più forte. La scelta dipenderà anche dal meteo”.

http://motograndprix.motorionline.com/2017/06/30/moto3-sachsenring-day-1-fenati-ce-ancora-del-lavoro-da-fare/