MotoGP Assen: Andrea Dovizioso, “Per il campionato ci siamo anche noi”

Il rider forlivese della Ducati è il nuovo leader del mondiale MotoGP

MotoGP Assen: Andrea Dovizioso, “Per il campionato ci siamo anche noi”MotoGP Assen: Andrea Dovizioso, “Per il campionato ci siamo anche noi”

Gp Assen MotoGP DucatiAndrea Dovizioso è il nuovo leader della classifica iridata della MotoGP. Il pilota forlivese dopo la terza fila di ieri, ha infatti tagliato il traguardo del Gran Premio d’Olanda in quinta posizione e complice la caduta di Maverick Vinales guida la classifica con 4 punti di vantaggio sullo spagnolo della Yamaha. L’’ultima volta che un pilota Ducati era stato in testa al mondiale era stato nel GP d’Italia 2009 con Casey Stoner. A lui la parola.

“Quella di oggi è stata una gara molto difficile e partire dalla terza fila ha complicato un po’ le cose. All’inizio non riuscivo ad essere molto fluido e quindi ho perso il contatto con il gruppetto di testa, ma sono rimasto concentrato per capire dove potevo recuperare e, quando Viñales è caduto davanti a me, ho spinto al massimo per tornare nel gruppo dei primi. In quel momento ero il più veloce in pista, e questo è un buon segnale per la nostra moto. Quando sono arrivato a ridosso del gruppo di testa ha iniziato a piovere ma non si capiva bene dove la pista fosse ancora asciutta e dove no. Per questo motivo non ho voluto prendere rischi inutili e ho cercato di finire la gara nel miglior modo per portare a casa punti molto importanti per la classifica del campionato. Ora torniamo a casa primi in campionato, e per me è una emozione nuova perché non sono mai stato in testa alla MotoGP. Voglio ringraziare tutto il mio team perché anche in questo weekend abbiamo lavorato benissimo e, nonostante le condizioni meteo cambiassero in continuazione, abbiamo fatto le mosse giuste, siamo rimasti calmi, e questo alla fine ha pagato.”

Sei entrato nella storia della Ducati, prima di te solo Capirossi e Stoner erano stati in testa al campionato.

“Come ho detto per me è una emozione nuova perché non sono mai stato in testa alla MotoGP. Nessuno ci ha regalato nulla, abbiamo lavorato duramente. Per il campionato ci siamo anche noi, ma tutto può cambiare. Oggi avrei potuto rischiare un pò di più, ma ho preferito portare a casa punti pesanti. Danilo (Petrucci, ndr) e Valentino (Rossi, ndr) hanno rischiato di più. Danilo non è in lotta per il campionato e Valentino voleva tornare a vincere.”

Cosa ti aspetti dal Sachsenring, si tornerà subito in pista.

“E’ un circuito completamente diverso e tutto dipenderà dal mix asfalto/gomme. Tutti può accadere, in questo campionato nulla è scontato.”

Ti ha impressionato la crescita di Petrucci?

“E’ molto forte come pilota e quest’anno è migliorato molto in gara. Può giocarsi la vittoria nelle prossime gare.”

Leggi altri articoli in MotoGP

Lascia un commento

5 commenti
  1. Aleapoca

    25 giugno 2017 at 17:48

    Grande dovi! Quest’anno il campionato lo puoi tranquillamente vincere!! Forza dovi!

  2. nandop6

    25 giugno 2017 at 18:19

    Speravo che mettese dietro Marquez e Crutclow. Cavolo la vena gli si chiude solo quando c’è Rossi. Comunque Bravo.

    • cujo

      26 giugno 2017 at 08:45

      nando, a tutti gli si chiude la vena quando c’è rossi…..

      • nandop6

        26 giugno 2017 at 16:36

        Vero ;)

  3. nandop6

    25 giugno 2017 at 18:47

    Ho avuto paura per Vinales, c’è mancato un capello che lo prendesse il Dovi

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati