Superbike, Pirelli Riviera di Rimini Round, Gara1: rocambolesca vittoria per Tom Sykes

Sul podio finiscono Alex Lowes e Jonathan Rea. Brutta caduta per Davies. Melandri fuori a due giri dal termine

di

Condividi su Facebook Pubblica su Twitter Condividi su Google+
Superbike, Pirelli Riviera di Rimini Round, Gara1: rocambolesca vittoria per Tom Sykes

Succede di tutto al Misano World Circuit Marco Simoncelli dove di è appena conclusa la prima corsa del settimo appuntamento stagionale: 21 giri combattuti in cui i colpi di scena non sono mai mancati, decisi però nelle ultime due tornate.

Vince Tom Sykes, che si prende un’altra soddisfazione dopo il record in pole, beneficiando delle incredibili cadute di Marco Melandri prima, di Chaz Davies poi che si porta dietro anche Jonathan Rea: a tre giri dalla fine infatti il rider Kawasaki era quarto.
Brutta caduta per il pilota gallese della Ducati che si è visto chiudere l’anteriore all’improvviso alla curva Del Carro mentre era al comando, quando mancavano davvero solo poche tornate alla bandiera a scacchi.
Purtroppo Jonathan Rea che lo marcava da vicino nulla ha potuto per evitare un impatto che è stato molto violento all’altezza della schiena/collo: Davies si è rialzato ma attualmente, dopo una prima assistenza al centro medico del circuito, è stato trasportato all’ospedale di Rimini per accertamenti, dato che si sospetta un trauma toracico.
Ovviamente il pensiero di tutti, come Jonathan Rea e Tom Sykes hanno detto nelle interviste dopo il podio, è che Chaz stia bene e possa tornare subito in sella domani per la battaglia di Gara2.

Nessuna conseguenza fisica invece per Marco Melandri, anche lui rimasto vittima di una caduta a tre giri dalla fine mentre stava battagliando con Rea: gara di casa davvero da dimenticare per l’Aruba Racing Ducati che si è vista sfumare una possibile doppietta nel modo più amaro.

Dopo l’impatto Jonathan Rea è riuscito a risalire in sella alla sua Ninja terminando al terzo gradino del podio, dietro ad Alex Lowes che può festeggiare un altra top3 dopo quella ottenuta nella gara di casa a Donington: un risultato che salva la giornata in casa Yamaha, dopo la vittoria sfumata di Van der Mark.
L’olandese si trovava infatti in testa alla gara a otto giri dalla fine quando una caduta “strana”, queste le parole di Rea che ha assistito alla dinamica, hanno messo fine alla sua corsa.
Van der Mark a differenza di Lowes aveva una buona velocità e un passo gara costante, mentre l’inglese ha lamentato problemi all’anteriore, gli stessi che hanno causato le tre cadute di ieri, per cui in vista di domani dovrà lavorare per migliorare ancora una R1 che sta crescendo molto.

Giù dal podio troviamo Jordi Torres, con la BMW del team Althea, in quarta posizione seguito da Xavi Fores con la Panigale del team Barni, quinto.
Dopo i due piloti spagnoli troviamo Eugene Laverty, con la RSV4 Aprilia del Team Milwaukee, Randy Krummenacher che centra un fantastico settimo posto per il team Puccetti Kawasaki, Roman Ramos che anche lui ottiene un ottimo risultato per il Team Go Eleven Kawasaki.
Completano la top 10 Lorenzo Savadori, sempre su RSV4, e Raffaele De Rosa con la BMW Althea.

La classifica finale è ovviamente il risultato delle tante cadute viste in pista, tra cui registriamo anche quelle di Stefan Bradl sulla Fireblade Red Bull Honda, Leandro Mercado, Riccardo Russo e Fabio Menghi, wildcard VFT Racing.

Cade anche Leon Camier al 17esimo giro: il rider MV Agusta è per riuscito a risalire in sella alla sua moto, terminando 11esimo appena fuori la top 10.

Con l’auspicio di rivedere domani al via di Gara 2 Chaz Davies, ricordiamo che la corsa partirà alle 13:00, con la griglia di partenza modificata secondo le nuove regole: in prima fila avremo quindi Jordi Torres, in pole, Xaxi Fores e Eugene Laverty, mentre il podio di oggi partirà dalla terza linea.

Di seguito l’ordine di arrivo di Gara2:

1. Tom Sykes GBR Kawasaki Racing ZX-10RR 21 lap
2. Alex Lowes GBR PATA Crescent Yamaha R1 +4.551ss
3. Jonathan Rea GBR Kawasaki Racing ZX-10RR +8.126s
4. Jordi Torres ESP Althea BMW S1000RR +10.850s
5. Xavi Fores ESP Barni Ducati Panigale R +13.649s
6. Eugene Laverty IRE Milwaukee Aprilia RSV4 +20.508s
7. Randy Krummenacher SWI Puccetti Kawasaki ZX-10RR +22.498s
8. Roman Ramos ESP Team Go Eleven Kawasaki ZX-10R +26.329s
9. Lorenzo Savadori ITA Milwaukee Aprilia RSV4 +28.395s
10. Raffaele De Rosa ITA Althea BMW S1000RR +31.171s
11. Leon Camier GBR MV Agusta RC F4 RR +38.314s
12. Alex de Angelis SMR Pedercini Kawasaki ZX-10RR +39.829s
13. Ayrton Badovini ITA Grillini Kawasaki ZX-10RR +50.478s
14. Ondrej Jezek CZE Grillini Kawasaki ZX-10RR +55.208s
15. Marco Melandri ITA Aruba.it Racing Ducati Panigale R +1 lap

Not Classified

16. Stefan Bradl GER Red Bull Honda CBR1000RR SP2
17. Chaz Davies GBR Aruba.it Racing Ducati Panigale R
18. Michael van der Mark NED PATA Yamaha YZF-R1
19. Leandro Mercado ARG IodaRacing Aprilia RSV4
20. Riccardo Russo ITA Guandalini Yamaha YZF-R1
21. Fabio Menghi ITA VFT Racing Ducati Panigale R

Michela Alitta

17th giugno, 2017

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Lascia un commento

Devi eseguire il login per pubblicare un commento.

Orari GP Olanda - 25/06/2017

GP Olanda 2016

Guarda i risultati e le classifiche

Classifiche Motomondiale

Classifiche Team Motomondiale

Classifiche Factory Motomondiale



Classifica Superbike

Foto Random MotoGP
Foto Random Pit Girls

Sondaggio

Chi è il favorito al titolo 2016 della MotoGP?

Visualizza Risultati

Loading ... Loading ...
Facebook
Copyright © Motorionline S.r.l. - Dati societari - P.IVA 07580890965
Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Milano in data 20/01/2012 al numero 35
Direttore Responsabile : Lorenzo V. E. Bellini