Superbike, Pirelli Riviera di Rimini Round, Gara 1: pole e vittoria per Tom Sykes

Il pilota inglese ritorna alla vittoria a Misano a seguito delle clamorose cadute dei primi tre

di

Condividi su Facebook Pubblica su Twitter Condividi su Google+
Superbike, Pirelli Riviera di Rimini Round, Gara 1: pole e vittoria per Tom Sykes

La vittoria nella prima corsa del settimo appuntamento del Campionato Mondiale delle derivate di serie, disputatasi oggi al Misano World Circuit Marco Simoncelli, è sicuramente una delle più inaspettate per Tom Sykes per le circostanze in cui è arrivata.

Il pilota Kawasaki ha per così dire beneficiato delle cadute di Michael Van der Mark, a otto giri dalla fine, di Marco Melandri a circa due tornate dal termine, e soprattutto di Chaz Davies e Jonathan Rea a poche curve dalla bandiera a scacchi.
Quella del pilota gallese è stata la più grave come dinamica: scivolato per aver perso l’anteriore della sua Panigale 1199 R, è stato purtroppo investito da Jonathan Rea che nulla ha potuto fare per evitare l’impatto.
Soccorso prima dal Centro Medico del circuito e trasportato poi per accertamenti all’ospedale di Rimini, i medici hanno evidenziato una frattura scomposta alla vertebra L3 e una contusione al pollice sinistro.
Non sarà al via domani di Gara 2 ma per fortuna non è in pericolo di vita.

Abbiamo incontrato Tom Sykes sotto il podio di Gara 1 per raccogliere le sue impressioni:

“Siamo ancora qui per circostanze come a Donington, dove avevamo velocità ma il risultato è dipeso da altro. Oggi è stata una gara difficile ma alla fine, per quello che è successo in pista, siamo riusciti a vincere. Sono felice, abbiamo conquistato 25 punti e non potevo chiedere di qui. Per domani abbiamo bisogno di migliorare la moto, questo è sicuro, ma guardando ancora a Gara 1 tanti piloti hanno avuto difficoltà, Van der Mark, Melandri, Chaz e Jonathan, ci sono stati tanti “regali” oggi ma le gare sono così e bisogna accettarlo. Spero stiano bene, che Chaz stia bene e che possa combattere domani. Adesso mi godo i 25 punti e penso alla mia gara per domani.
Non ho idea cosa sia successo dopo la Superpole, abbiamo perso in velocità sul giro e in passo. Alla fine dei giri, io e Jhonny usiamo le stesse gomme, la mia era molto più liscia paragonata alla sua, come se avessi fatto almeno tre giri in più.
E’ strano perché qui abbiamo fatto i test (due settimane fa) e faceva ugualmente caldo ma ora evidentemente qualcosa è cambiato, soprattutto nel lap set, forse dipende dalla condizione del tracciato, dalle gomme”.

Cosa hai pensato quando hai visto Jhonny e Chaz per terra?

“Non ci potevo credere perché era l’ultimo giro. Quando ho visto Marco (Melandri, ndr) cadere ho pensato “ok, prendo la terza posizione” e mi stavo focalizzando sui miglioramenti per domani quando all’uscita della curva ho visto due moto per terra e ho detto “Here we go!”. Mi ci è voluto un attimo per realizzare che la Ducati e la Kawasaki erano per terra. Queste cose succedono nelle gare. Oggi c’erano 35 gradi, l’asfalto era caldo e le gomme al limite, ma queste cose nelle gare succedono. In Superbike è molto facile fare sbagli. Prendo questi 25 punti e sono molto contento per il team.
Quello che è importante davvero è che Jonathan stia bene, che Chaz stia bene perché alla fine della giornata siamo tutti amici e non è mai bello vedere qualcuno che rimane ferito”.

Michela Alitta

17th giugno, 2017

Tag:, , , , , , , , , , , , , , ,

Lascia un commento

Devi eseguire il login per pubblicare un commento.

Orari GP Inghilterra - 27/08/2017

GP Inghilterra 2016

Guarda i risultati e le classifiche

Classifiche Motomondiale

Classifiche Team Motomondiale

Classifiche Factory Motomondiale



Classifica Superbike

Foto Random MotoGP
Foto Random Pit Girls

Sondaggio

Stoner metterà pressione ai piloti ufficiali Ducati?

Visualizza Risultati

Loading ... Loading ...
Facebook
Copyright © Motorionline S.r.l. - Dati societari - P.IVA 07580890965
Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Milano in data 20/01/2012 al numero 35
Direttore Responsabile : Lorenzo V. E. Bellini