Superbike, Motul Thai Round, Gara 2: per Rea è il miglior inizio stagionale di sempre

Il Campione in carica sigla la seconda doppietta in due round

Superbike, Motul Thai Round, Gara 2: per Rea è il miglior inizio stagionale di sempreSuperbike, Motul Thai Round, Gara 2: per Rea è il miglior inizio stagionale di sempre

Jonathan Rea non avrebbe potuto sperare in un inizio di campionato migliore: con la vittoria in Gara 2 del Motul Thai Round di oggi, completa la seconda doppietta personale in due round, rimanendo in testa alla classifica a punteggio pieno, 100 punti, con il primo degli inseguitori, Chaz Davies, staccato di ben 30 lunghezze.

Il campione del Mondo in carica se in Australia aveva fatto credere alle Ducati di non essere poi così distante, qui ha messo in chiaro che se vogliono togliergli la corona iridata dovranno inventarsi qualcosa e dovranno farlo in fretta: al Chang Rea ha lasciato solo le briciole, facendo segnare il miglior tempo nelle due libere, ottenendo la pole e vincendo senza troppi problemi Gara 1, con sei secondi di vantaggio, e Gara 2 con quattro.
Le uniche difficoltà, se così vogliamo chiamarle, sono state la partenza dalla nona casella a seguito delle nuove regole, e la ripartenza di Gara 2 dopo le bandiere rosse, per il resto Rea ha sempre tenuto un ritmo insostenibile per gli avversari, che hanno quindi badato più a battagliare tra di loro, vedi Melandri e Sykes, che a provare a inseguirlo.

Con al vittoria in Gara 2 in Thailandia, Rea regala il 50esimo podio per Kawasaki, che con il secondo posto di Tom Sykes conquistato di forza ancora su Marco Melandri all’ultima curva, completa la doppietta per il team e un altro strepitoso fine settimana.

“Questo è il mio miglior inizio di stagione, mi sento molto bene sulla moto. Ero nervoso con la partenza dalla nona casella, perché su questo tracciato non è facile superare, soprattutto con la velocità di Ducati” – ha detto un Jonathan Rea entusiasta del weekend – “Melandri è difficile da passare, ma sono stato molto fortunato questo week end, andavo molto bene nel terzo settore e dopo tre o quattro giri sono riuscito a superare Marco. Con questa vittoria ringrazio molto tutto il mio team e tutti i miei meccanici; è stato un week end molto caldo e hanno lavorato senza sosta quindi queste vittorie sono per loro”.

Il MOTUL FIM Superbike World Championship ora tornerà in Europa per il terzo round al MotorLand Aragon, tra tre settimane.

Leggi altri articoli in Superbike

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati