Superbike, Motul Thai Round, Gara 2: Aruba Racing Ducati sorride a metà

Davies cade e finisce sesto dopo la ripartenza, mentre Melandri conclude a podio

Superbike, Motul Thai Round, Gara 2: Aruba Racing Ducati sorride a metàSuperbike, Motul Thai Round, Gara 2: Aruba Racing Ducati sorride a metà

In casa Ducati al termine del Motul Thai Round in questo momento forse si starà decidendo se il proverbiale bicchiere è mezzo pieno o mezzo vuoto: dopo il secondo posto di Davies in Gara 1 e il podio mancato da Marco Melandri proprio all’ultimo giro, nella seconda corsa il team Aruba ha festeggiato la terza posizioni del ravennate, anche se ha dovuto subire ancora una volta la beffa del sorpasso all’ultima curva da parte di Sykes, ma dall’altra ha avuto una gara sofferta con Davies.

Il gallese è infatti scivolato alla curva 3 all’inizio della seconda manche, ma è stato subito in grado di tornare in pista: questo gli ha concesso di prendere parte fortunatamente alla seconda partenza, seppure dalla ultima casella in griglia.
Davies ha condotto una gara in rimonta, fermandosi alla sesta posizione, anche grazie ai guai tecnici patiti da Laverty con la Aprilia e Camier con la MV Agusta.

Entrambi piloti Ducati, però, a fine gara hanno dichiarato di avere avuto qualche problema con le loro Panigale, Melandri ai freni e Davies al comando del gas: per il team ci sarà quindi un po’ di lavoro da fare in vista del round di Aragon tra tre settimane.

“È stato un grande fine settimana perché con queste condizioni era molto difficile per me e non ero mai stato qui prima; stare vicino ai piloti migliori è sempre una bella sensazione” – ha detto Marco Melandri – “Avere lo stesso finale, essere sorpassato all’ultima curva, non è molto bello, ma ho avuto difficoltà con i freni fin dalle prime prove libere, quindi per me era complicato essere più aggressivo con Tom all’ultimo giro. Il team ha fatto un grande lavoro, dobbiamo lavorare per raggiungere i piloti Kawasaki, ma spero che Aragon sia un’altra storia”.

“Onestamente credo che avremmo dovuto essere più vicini al podio alla seconda partenza. Abbiamo avuto un problema a causa di alcune parti che sono state sostituite dopo la scivolata e per questo ho avuto problemi al comando del gas” – ha dichiarato Chaz Davies – “Appena sono uscito dalla prima curva del secondo giro ho capito che sarebbe stata una gara lunga, quindi il sesto posto è buono considerando tutto. Sarebbe stato bello avere una moto normale per la seconda partenza, ma dobbiamo continuare a lavorare, i nostri rivali saranno forti, quello che ci aspettavamo. Sappiamo che possiamo spingere ad Aragon”.

Leggi altri articoli in Superbike

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati