Superbike, Motul Thai Round, FP: buoni progressi per Eugene Laverty

Il pilota Aprilia è soddisfatto per essere entrato nella Tissot-Superpole 2

Superbike, Motul Thai Round, FP: buoni progressi per Eugene LavertySuperbike, Motul Thai Round, FP: buoni progressi per Eugene Laverty

Eugene Laverty, pilota del team Milwaukee Aprilia, è sceso per la prima volta in pista al Chang International Circuit quest’oggi per le prime due prove libere del Motul Thai Round, ottenendo il passaggio diretto alla Tissot Superpole 2: una bella soddisfazione per lui dopo l’impegnativo appuntamento di apertura della stagione a Phillip Island.

Laverty ha lavorato molto con il team per risolvere i problemi incontrati in Australia e ha già fatto alcuni positivi passi in avanti: le prime impressioni del circuito di Buriram sono positive e ora guarda alla Superpole e a Gara1 di domani.

“Nella prima uscita di questa mattina ho avuto bisogno di un po’ di tempo per adattarmi, ma poi ho iniziato a sentirmi bene. Questo tracciato è suddiviso in due parti: nella prima sezione sono piuttosto forte nelle brusche frenate, ma nelle parti più strette e tortuose sono un po’ in difficoltà. Questa è la zona su cui siamo concentrati, ma stiamo facendo progressi e stiamo facendo passi in avanti” – ha detto un Eugene Laverty felice di aver centrato la Superpole 2, suo primo obiettivo del fine settimana – “Entrare direttamente nella SP2 il venerdì è quello di cui abbiamo bisogno ogni fine settimana, soprattutto se siamo in un nuovo circuito. Anche se non è stato facile e abbiamo avuto alcuni nuovi problemi”.

A proposito delle modifiche apportate alla sua RSV4 RF ha dichiarato: “Ci sono alcune cose che abbiamo modificato da Phillip Island, il team aveva solo 10 giorni ma hanno lavorato davvero velocemente. Questo perché i ragazzi vogliono risolvere i problemi e abbiamo guardato alcune cose del 2012 e 2013. Solo alcuni elementi che sono stati collaudati e li abbiamo implementati per poter usare adesso quel tipo di esperienza”.

Leggi altri articoli in Superbike

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati