MotoGP: Bridgestone debrief GP Spagna

Il fornitore unico di pneumatici molto soddisfatto delle performance delle proprie gomme sul circuito di Jerez

di

Condividi su Facebook Pubblica su Twitter Condividi su Google+
MotoGP: Bridgestone debrief GP Spagna

Bridgestone MotoGP Jerez de la Frontera – Il Gran Premio di Spagna ha visto il ritorno al successo di Jorge Lorenzo, al suo 34° successo in MotoGP. Il due volte iridato della Top Class ha vissuto un weekend perfetto, dove ha dominato sin dalle prime libere, lasciando le briciole agli avversari. Sul podio con lui il connazionale nonché campione in carica Marc Marquez e il nostro Valentino Rossi, al suo 200° podio in carriera.

Il grande caldo di Jerez de la Frontera ha fatto si che nelle sessioni di prove libere e qualifiche le temperature oltrepassassero i 50°, mentre in gara si è corso con 40°. Ecco cosa ha detto a tal proposito Shinji Aoki, Manager, Bridgestone Motorsport Tyre Development Department.

Ben 23 piloti hanno scelto per la gara il pneumatico anteriore duro. Cosa li ha spinti a fare questa scelta?

“Jerez è un circuito che richiede alti livelli di stabilità e il pilota deve “sentire” la parte anteriore della moto. Allo stesso tempo, il livello di grip dell’asfalto diminuisce significativamente a temperature calde, quindi trovare la combinazione ottimale di aderenza e stabilità è molto importante per i piloti. La nostra ultima specifica anteriore dura è stata progettata per offrire lo stesso livello di stabilità delle specifiche precedenti, ma con una migliore aderenza. Sono molto contento di come i piloti siano stati in grado di girare costantemente ad un ritmo molto veloce con questo nuovo pneumatico anteriore, questo nonostante temperature molto elevate.”

In gara le temperature sono state notevolmente più fresche rispetto alle FP4 e alle qualifiche. Che effetto ha avuto questo calo sulle prestazioni degli pneumatici? C’è stato poi qualche pilota che ha cambiato la sua scelta?

“Le temperature più basse fatte registrare in gara hanno fatto sì che ci fosse più grip, permettendo ai piloti di ottenere le massime prestazioni dai loro pneumatici. Di conseguenza, il ritmo mostrato durante la gara è stata davvero impressionante. Eravamo fiduciosi sul fatto di poter battere il record sul giro di qualifica e gara, così come il record assoluto del tempo di gara, ma riuscirci con i margini mostrati è stato stupefacente. Per quanto riguarda la scelta delle gomme, il fattore temperatura non ha influito sulla scelte già fatte.”

Come mai i piloti Honda e Yamaha non hanno optato per la soluzione dura in gara?

“La posteriore dura asimmetrica che abbiamo quest’anno utilizza gli stessi “compound” del 2014. A nostro avviso non è stata utilizzata perchè il livello del grip della pista di Jerez è particolare e i piloti non non hanno riscontrato il giusto grip, che era peggiorato rispetto allo scorso anno. Hanno quindi preferito utilizzare la mescole media, questo indipendentemente dalla temperatura della pista.”

Mescole disponibili:

Anteriore: Soft, Medium & Hard
Posteriore: Soft, Medium & Hard (asimmetrico)
Bridgestone rain: Hard (Principale), Soft (Alternative – anteriore), Extra-dura (Alternative – posteriore)

Alessio Brunori

5th maggio, 2015

Tag:, , , , , , , , , , , ,

Lascia un commento

Devi eseguire il login per pubblicare un commento.

Orari GP Valencia - 12/11/2017

GP Valencia 2016

Guarda i risultati e le classifiche

Classifiche Motomondiale

Classifiche Team Motomondiale

Classifiche Factory Motomondiale



Classifica Superbike

Foto Random MotoGP
Foto Random Pit Girls

Sondaggio

Chi è il favorito al titolo 2016 della MotoGP?

Visualizza Risultati

Loading ... Loading ...
Facebook
Copyright © Motorionline S.r.l. - Dati societari - P.IVA 07580890965
Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Milano in data 20/01/2012 al numero 35
Direttore Responsabile : Lorenzo V. E. Bellini