MotoGP: Bridgestone in Spagna senza la extra-hard posteriore

Il circuito andaluso è pronto ad ospitare la quarta tappa del motomondiale 2015, la prima europea

di

Condividi su Facebook Pubblica su Twitter Condividi su Google+
MotoGP: Bridgestone in Spagna senza la extra-hard posteriore

Bridgestone MotoGP Jerez de la Frontera – La Bridgestone è pronta ad affrontare la prima tappa europea del motomondiale 2015. Questo fine settimana il circus sarà in azione a Jerez de la Frontera, per la quarta tappa della stagione. Il circuito lungo 4.423mt e composto da otto curve a destra e cinque curve a sinistra, è a che se non è uno dei più insidiosi per gli pneumatici, c’è comunque bisogno di un approccio particolare per lo sviluppo degli stessi, viste anche le elevate temperature. Per questo circuito la casa giapponese fornirà pneumatici slick posteriori asimmetrici con gomma leggermente più morbida sulla spalla sinistra, per offrire una migliore aderenza ed un miglior warm-up nelle curve più lente, mentre la mescola hard sulla spalla destra garantirà una maggiore stabilità nelle curve veloci a destra.

I piloti Honda e Yamaha Factory avranno a disposizione al posteriore mescole medie e hard asimmetriche, mentre i piloti a concessione Open (Ducati compresa) utilizzeranno mescole soft e medie asimmetriche. Per quanto riguarda l’anteriore ci sarà ampia scelta, dalla mescola soft a quella dura, passando per la media. Il circuito di Jerez è estremamente abrasivo quando è bagnato, quindi l’opzione hard sarà la principale in caso di pioggia. Le mescole alternative solo la morbida anteriore e la extra-hard posteriore.

“Abbiamo avuto tre gare entusiasmanti ad stagione e con questo fine settimana del Gran Premio di Spagna a Jerez, iniziamo la fase europea del campionato. Jerez è uno dei più belli luoghi del calendario, sia per il layout del circuito, sia per le orde di appassionati che sono presenti ogni anno – ha detto Hiroshi Yamada, Responsabile Bridgestone Motorsport – E’ un circuito dove la Honda ha vinto negli ultimi tre anni, ma quest’anno con così molti produttori che vanno forte sarà difficile indovinare un vincitore.”

“Jerez è una pista con un layout vario che comprende sia curve veloci che curve lente, quindi per questo circuito è necessario fornire pneumatici con un carattere equilibrato per fornire una buona maneggevolezza in ogni situazione. In questo circuito forniamo slick posteriori asimmetrici con gomma morbida sul lato sinistro per fornire una migliore aderenza ed un miglior warm up nelle curve a sinistra, mentre la gomma più dura sulla spalla destra offre una maggiore stabilità nella sequenza di curve a destra, dalla nove a dodici – ha affermato Shinji Aoki, Manager, Bridgestone Motorsport Tyre Development Department – La superficie della pista è liscia, ma può essere molto abrasiva, quindi per garantire una buona aderenza e stabilità, i nostri pneumatico dovranno avere alti livelli di resistenza. Un altro fattore importante è la temperature. Solitamente durante il weekend le condizioni ambientali sono storicamente calde, quindi la nostra allocazione deve essere in grado di lavorare bene anche con temperature eccessive della pista.”

Mescole disponibili:
Anteriore: Soft, Medium & Hard
Posteriore: Soft, Medium & Hard (asimmetrico)
Bridgestone rain: Hard (Principale), Soft (Alternative – anteriore), Extra-dura (Alternative – posteriore)

Alessio Brunori

28th aprile, 2015

Tag:, , , , , , , , , , , ,

Lascia un commento

Devi eseguire il login per pubblicare un commento.

Orari GP Valencia - 12/11/2017

GP Valencia 2016

Guarda i risultati e le classifiche

Classifiche Motomondiale

Classifiche Team Motomondiale

Classifiche Factory Motomondiale



Classifica Superbike

Foto Random MotoGP
Foto Random Pit Girls

Sondaggio

Stoner metterà pressione ai piloti ufficiali Ducati?

Visualizza Risultati

Loading ... Loading ...
Facebook
Copyright © Motorionline S.r.l. - Dati societari - P.IVA 07580890965
Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Milano in data 20/01/2012 al numero 35
Direttore Responsabile : Lorenzo V. E. Bellini